Scoppia un incendio e il forestale eroe Nunzio Mogavero salva quattro bambini

Nunzio Mogavero è il forestale eroe del giorno dopo aver salvato dalle fiamme quattro bambini che erano rimasti intrappolati. L’uomo, con coraggio, si è arrampicato sul balcone di una palazzina e ha messo in salvo i bambini terrorizzati. L’impresa dell’uomo, un operaio forestale di 49 anni, è avvenuta a Isnello, comune delle Madonie in provincia di Palermo. Ha sentito le urla dei piccoli provenire da un appartamento nel centro storico di Isnello e non ci ha pensato due volte a intervenire.

Per salvare i quattro piccoli ha rimediato una ferita alla gamba per cui sono state necessarie le cure dell’ospedale. Il fuoco si è sviluppato al piano terra e si sono propagate al primo piano. Qui c’erano tre sorelline e un loro cuginetto. La madre delle bambine si era allontanata per fare la spesa poco prima che divampasse un incendio provocato, a quanto pare, da un corto circuito all’impianto elettrico.

Il forestale eroe Mogavero ha cercato di accedere nella casa dal portone che era bloccato. Con l’aiuto di due carabinieri ha provato ad arrampicarsi sulla parete dello stabile, riuscendoci. Ha quindi afferrato i piccoli e a uno a uno li ha calati dall’alto porgendoli alle persone che si erano radunate sulla strada. Ne aveva salvati tre quando da un angolo della casa ha sentito il richiamo di una bambina di tre anni. L’uomo è tornato indietro e ha strappato la piccola alle fiamme che già la stavano raggiungendo. Nunzio Mogavero è conosciuto per altri episodi di generosità. In seguito sono arrivati i Vigili del Fuoco che hanno dichiarato inagibile l’edificio e hanno completato le fasi di spegnimento del rogo.

“Stamattina grazie al pronto intervento di alcuni cittadini è stato evitato il peggio – dice il sindaco di Isnello -. Li voglio ringraziare pubblicamente qui. Un grazie sincero a Nunzio Mogavero, persona straordinaria, al carabiniere Francesco Fina e a Nicola Quagliana per il loro immediato intervento. Un grazie di cuore anche ai tanti altri che sono intervenuti”.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.