Scoperte armi a Belmonte Mezzagno, arrestato agricoltore

Belmonte Mezzagno è un territorio che lo scorso anno è stato interessato da una scia di omicidi

Un revolver e un fucile trovati nelle campagne di Belmonte Mezzagno. Il ritrovamento è sei Carabinieri che hanno eseguito alcune ispezioni nelle aree rurali. Belmonte Mezzagno è un territorio che lo scorso anno è stato interessato dagli omicidi di Vincenzo Greco e Antonio DI Liberto e dal tentato omicidio di Giuseppe Benigno.

I militari hanno rinvenuto alla periferia del paese, nascosta all’interno di un magazzino, un revolver calibro 38, e in una stalla, un fucile da caccia calibro 12, entrambi con matricola abrasa, oltre munizionamento.

La persona che aveva la disponibilità dei due luoghi, G.s., un agricoltore 52enne, è stato arrestato per detenzione di armi e munizionamento. Il Tribunale di Termini Imerese ha convalidato l’arresto.

Già lo scorso 22 febbraio, in un’analoga operazione, sono state tratte in arresto altre due persone. In quella circostanza oltre ad una pistola semiautomatica ed un fucile furono rinvenute oltre 500 cartucce.