Inferno di fuoco da Monreale a Petralia, domani allerta rossa

Arriva il gran caldo e bruciano i boschi della provincia di Palermo. Da Monreale alle Madonie, una grossa cortina di fuoco ha distrutto ettari di aree boschive e macchia mediterranea. Sono state decine gli interventi dei vigili del fuoco, del Corpo Forestale e della Protezione civile.

Il rogo più grande ha interessato per tutta la giornata una vasta porzione di territorio a Petralia Sottana. Le fiamme si sono sviluppate a Rocca delle Balate e Cozzo Cofino, la montagna di fronte l’abitato che si trova sopra la Statale 120. Il fuoco ha lambito numerose abitazioni agricole e villette. Il forte vento di scirocco ha sospinto il fronte di fuoco. Sul posto i vigili del fuoco, gli operai della forestale e anche i mezzi aerei antincendio.

LEGGI ANCHE  "Non ce n'è Coviddi", il tormentone dell'estate post Coronavirus

Stessa situazione anche nel territorio di Monreale. Mezzi aerei, Canadair ed elicotteri della Forestale, sono stati impegnati a Sagana, nella zona di Monreale. Anche qui le fiamme si sono avvicinate pericolosamente ad alcune abitazioni. Oltre i mezzi a terra sopraggiunti nella notte, sono intervenuti un Canadair e un elicottero dalla base di Trapani Birgi.

Cando e rischio incendi anche domani. La Protezione Civile Regionale ha emanato un bollettino meteo che preannuncia per la giornata di domani massimo rischio incendi in ampie zone della Sicilia, compresa la provincia di Palermo, e una ondata di calore con temperature fino a 36 gradi. L’ondata di calore è prevista in aumento, con passaggio da livello 2 a livello 3 per la giornata di domenica, quando le temperature al suolo saranno fino a 37 gradi.

LEGGI ANCHE  Avrebbero portato il Palermo al fallimento, arrestati i fratelli Tuttolomondo