Intubata la donna incinta positiva al Covid19 al Cervello di Palermo

La donna è arrivata a Palermo con un volo da Londra dopo aver fatto scalo a Roma

Peggiorano le condizioni di salute della donna incinta di 7 mesi positiva al Coronavrus. La donna, 34 anni, è ricoverata all’ospedale Cervello di Palermo nel reparto di Anestesia e Rianimazione. Nel corso della notte le sue condizioni di salute sarebbero peggiorate a tal punto che i medici l’hanno intubata a causa di gravi problemi respiratori. La donna è monitorata costantemente. “La situazione è critica – spiegano dall’ospedale – stiamo valutando come procedere perché a rischio ci sono due vite”.

La donna è arrivata a Palermo con un volo da Londra dopo aver fatto scalo a Roma. È una 34enne originaria del Bangladesh, ma da anni residente a Palermo, è alla 28esima settimana di gravidanza. È la più giovane paziente tra i malati gravi di Covid-19 in Sicilia.

Dopo essere arrivata la settimana scorsa all’aeroporto Falcone e Borsellino, domenica notte si è sentita male. A bordo di un’ambulanza è stata trasportata nel reparto di Pneumologia con febbre alta e insufficienza respiratoria, poi è stata sottoposta a tampone risultato positivo. La donna è in stato di gravidanza ed è al settimo mese.

La donna è stata controllata più volte con i termoscanner negli aeroporti di Londra, Roma e Palermo, e all’arrivo era in buone condizioni di salute.La situazione è peggiorata dopo l’atterraggio a Palermo. Il personale dell’Asp e della Protezione Civile regionale si è messo alla ricerca delle persone venute a contatto con la paziente per eseguire i tamponi, compresi i passeggeri che hanno viaggiato con lei lungo la rotta Inghilterra – Italia, di cui si sta cercando di recuperare l’elenco. I primi controlli sanitari sono già stati eseguiti sui familiari della donna, a cominciare dal marito che sta seguendo con apprensione la situazione, mentre al Cervello ieri è stata eseguita una sanificazione straordinaria.