Vacanze gratis in Sicilia per medici e infermieri degli ospedali Covid lombardi

Grazie alla disponibilità dell'hotel Costa Verde di Cefalù, di ospitare gratuitamente per una settimana di soggiorno famiglie di medici e infermieri

Una settimana di vacanza gratis in Sicilia per gli ‘eroi’ della sanità lombarda impegnati nel fronteggiare l’emergenza Covid-19. L’ideo è dell’Ente Parco delle Madonie, guidato dal commissario straordinario Salvatore Caltagirone.

È stato deciso, grazie alla disponibilità dell’hotel Costa Verde di Cefalù, di ospitare gratuitamente per una settimana di soggiorno famiglie di medici e infermieri degli Ospedali Civili di Brescia e del Fatebenefratelli Sacco di Milano. L’iniziativa arriva in segno di gratitudine nei loro confronti. La vacanza prevede anche alcune escursioni alla scoperta del territorio del Parco delle Madonie.

“Come commissario straordinario dell’Ente Parco delle Madonie – afferma Caltagirone – porgo un sentito e doveroso ringraziamento a tutti coloro che con spirito di abnegazione sono stati impegnati per cosi lungo tempo, nei diversi reparti di Terapia intensiva, per curare e salvare le persone affette da Covid 19 e formulo in questa occasione l’invito a trascorrere una vacanza nel nostro territorio all’insegna della serenità e del benessere psicofisico. Siamo in contatto con le direzioni sanitarie dell’ospedale Luigi Sacco di Milano e degli Spedali Civili di Brescia, per rivolgere un invito a cinque medici e cinque infermieri di ciascuna struttura ospedaliera a trascorrere, durante i mesi estivi, un soggiorno nel Parco delle Madonie. Potranno trascorrere gratuitamente la loro vacanza con oneri di vitto e di alloggio per tutto il periodo del soggiorno a carico della struttura Costa Verde”.

“Ho avuto modo di conoscere il commissario Caltagirone – afferma Farinella, titolare del Costa Verde di Cefalù – e di apprezzarne le sue qualità umane. L’ho invitato ad occuparsi di tutta l’organizzazione, mettendo a disposizione la mia struttura per il soggiorno di due famiglie di medici e infermieri a settimana”.