Covid-19, per l’OMS disinfettare le strade è inutile e nuoce alla salute

La sanificazione di strade e spazi pubblici sarebbe, dunque, uno spreco di denaro pubblico

Sanificare strade e spazi pubblici è sostanzialmente inutile. Non uccide i virus, anzi farebbe male alla salute. Sarebbe solo uno spreco di denaro pubblico.

Non sono supposizioni dette a caso ma le considerazioni fatte dall’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità.

Secondo i massimi esperti mondiali, spruzzare disinfettanti in spazi esterni come strade o mercati non è raccomandato.

L’Organizzazione mondiale della sanità, anzi ne evidenzia i rischi per la salute, in un documento pubblicato ieri.

La procedura di sanificazione, “non è indicata per uccidere Sars-Cov-2 o altri agenti patogeni perché il disinfettante è inattivato dallo sporco e dai detriti” presenti in gran quantità su queste superfici e “non è possibile pulirle manualmente e rimuovere tutta il materiale organico”.

Inoltre, spiegano gli esperti dell’Oms, “spruzzare superfici porose, come marciapiedi e passerelle non pavimentate, sarebbe ancora meno efficace”.

E’ “improbabile”, poi, che “l’irrorazione di sostanze chimiche sia adeguata a coprire tutte le superfici per il tempo necessario a inattivare i patogeni”. L’organizzazione evidenzia che “strade e i marciapiedi non sono considerati serbatoi di infezione per Covid-19” e soprattutto che “spruzzare disinfettanti, anche all’aperto, può essere dannoso per la salute umana”.

Oltre a “non ridurre la capacità di una persona infetta di diffondere il virus attraverso le goccioline o il contatto”, l’uso spray di “cloro e altri prodotti chimici tossici potrebbe provocare irritazione agli occhi e alla pelle, broncospasmo causato dall’inalazione di queste sostanze, disturbi gastrointestinali come nausea e vomito”.

Oltre ad essere una procedura praticamente inutile e dannosa per la salute dell’uomo e per l’ambiente (si tratta comunque di sostanze chimiche inquinanti), la sanificazione di strade e spazi pubblici sarebbe, dunque, uno spreco di denaro pubblico. Se si pensa che tutti i comuni italiani hanno già eseguito parecchi cicli di sanificazione, è facile intuire quanto denaro pubblico sarebbe stato sperperato per eseguite interventi privo di efficacia.