Ecco le regine dell’abusivismo edilizio: Palermo, Carini, Bagheria e Monreale

In tutta la Sicilia sono oltre 26 mila gli immobili abusivi. In provincia di Palermo sono 5 mila. Abbattimenti al palo

Sono oltre 5000 gli immobili abusivi solo in provincia di Palermo. I dati parlano chiaro e sono stati pubblicati dal dipartimento all’Urbanistica della Regione Siciliana nel report sull’abusivismo. Il documento specifica i dati sulle costruzioni non autorizzate per provincia e comune. 

Quello dell’abusivismo rappresenta per la Sicilia un problema non di poco conto. Queste costruzioni infatti, talvolta non fanno altro che dare maggiore forza ai fenomeni di dissesto idrogeologico già presenti nei territori. Altre volte ci sono case abusive che danneggiano le coste, inquinano le falde o i corsi d’acqua non essendo nemmeno autorizzate allo scarico nei collettori fognari pubblici. Insomma, le costruzioni abusive possono rappresentare un vero problema ambientale e sono ancora troppo pochi i casi di abbattimento. 

In tutta la Sicilia solo 26.674 le costruzioni abusive, in provincia di Palermo è presente il 18 per cento di esse. 

Dopo la tragedia di Casteldaccia la giunta Musumeci ha varato un disegno di legge per il contrasto al fenomeno sull’abusivismo che prevede perfino la decadenza dei sindaci che, se la norma fosse approvata, non dovessero adottare le ordinanze per lo sgombero immediato delle aree ad alto rischio di dissesto idrogeologico.

Ecco la lista dei comuni in provincia di Palermo che presentano più costruzioni abusive. Il comune di Palermo è quelli in cui ci sono più costruzioni abusive: 626 casi. Seguono il Comune di Carini con 518 immobili abusivi, quello di Bagheria dove i casi sono 473, quello di Monreale con 230 casi e quello di Cefalù con 190 fabbricati irregolari. Se si dovesse stilare una classifica dei primi dieci, al sesto posto ci sarebbe il Comune di Partinico con 157 casi, quello di Misilmeri con 136 casi quello di Altofonte con 131 opere irregolari, e poi ancora Cinisi (128) e Trabia (126).

Sono ancora troppo pochi i casi di demolizione. Nei giorni scorsi a Bagheria è stato demolito, uno dei primi 9 immobili, soggetti a demolizione, in quanto ricadenti in area assoggettata a vincolo di  inedificabilità assoluta, nella fascia dei 150 metri dalla battigia. Si tratta di un immobile costruito lungo la costa di Mongerbino, ad Aspra, nei pressi dell’arco azzurro. Nei prossimi giorni saranno demoliti altri due immobili.