Home Ambiente Un pezzo di paradiso in Sicilia, The Guardian incorona Calamosche

Un pezzo di paradiso in Sicilia, The Guardian incorona Calamosche

0

Il The Guardian incorona una delle spiagge più belle della Sicilia tra le più belle d’Europa. Un vero e proprio paradiso in terra che vale la pena, almeno una volta nella vita, visitare. Soprattutto se si è siciliani. Si tratta di un piccolo pezzo del “giardino dell’Eden”, una fascia di sabbia che si incunea tra le acqua cristalline, caraibiche.

Il giornale londinese, celebre nel mondo, piazza la spiaggia sicula tra le più belle del mondo e tra le prime in Europa. Un risultato che ogni anno porta migliaia di visitatori. Dalle coste rosa fenicottero alle coste selvagge e tutto il resto, gli scrittori del The Guardian scelgono le sabbie più fini del continente e i luoghi in cui soggiornare nelle vicinanze.

Svelata una delle spiagge più belle della Sicilia

“Il fatto che faccia parte della riserva naturale di Vendicari e che si trovi a quasi un miglio dal parcheggio aiuta a fare in modo che questa spiaggia sabbiosa tra promontori rocciosi non diventi mai troppo affollata”. Il Guardian presenta così Calamosche, davvero una delle spiagge più belle dell’isola siciliana.

“I visitatori devono portare tutto, compresa l’acqua, ma un picnic tra i fasti barocchi della vicina Noto è un piacere. La giornata può quindi essere trascorsa nuotando in acque calme – protette da quei promontori – facendo snorkeling sulle rocce ed escursioni lungo la costa o nei boschi. In primavera arrivano piovanelli e chiurli per la stagione della nidificazione. Ci sono poche opzioni di alloggio nella riserva, ma l’agriturismo biologico Sicilia di Vendicari (doppia da € 110 B&B) è a mezz’ora a piedi dalla spiaggia e dispone di quattro cottage (da due a otto posti letto) tra i suoi agrumeti, uliveti e mandorleti”.

Articolo precedenteViaggio in Sicilia, un road trip alla scoperta di una terra unica e ricca di storia
Articolo successivoRapinano farmacia ma vengono presi a bastonate, caccia a due uomini nel Palermitano