La Sicilia passa in zona arancione, firmata la nuova ordinanza

Le regioni che cambiano colore: Abruzzo, FVG, Piemonte e Sicilia

Ora è ufficiale, la Sicilia da giorno 24 gennaio sarà zona arancione. Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, alla luce dei dati del monitoraggio settimanale, ha firmato una nuova ordinanza che prevede il passaggio Abruzzo, FVG, Piemonte e Sicilia in arancione.

La nuova ordinanza del cambio colori

Zona arancione per Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e Sicilia. Sono i passaggi colore annunciati dal ministero della Salute. Puglia e Sardegna, invece, in giallo. Alla luce dei dati del monitoraggio settimanale sull’andamento di Covid-19, il ministro Roberto Speranza ha firmato la nuova ordinanza che segna questi cambi di fasce di rischio.

“Ci stiamo avvicinando alla zona arancione, perché nonostante tutti gli sforzi fatti i reparti di terapia intensiva sono pieni di persone non vaccinate che ci spingono verso questo colore”, ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, contattato dall’ANSA, poco prima che il ministro Speranza firmasse la nuova ordinanza del cambio di colori.

Musumeci attaccato dal Pd

“Se la Sicilia scivola verso la zona arancione è anche per le gravi responsabilità del governo regionale: disorganizzazione, mancati interventi di programmazione, addirittura siamo arrivati ad allestire in tutta fretta ospedali da campo, come se la quarta ondata non fosse più che prevedibile. In questa fase l’emergenza Covid dovrebbe essere al centro dell’azione del governo regionale, ma evidentemente Musumeci è troppo impegnato ad occuparsi della sua ricandidatura alla presidenza della Regione e non ha tempo per i problemi dei siciliani”. Lo dice Giuseppe Lupo, capogruppo del PD all’Ars a proposito delle dichiarazioni del presidente della Regione Nello Musumeci sul passaggio della Sicilia verso la zona arancione.

Seguici su Facebook

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Cronaca
  • Diretta Telejato