Musumeci proroga una zona arancione, 52 sindaci protestano: “Dateci nomi positivi”

Uniti in protesta rivolgono un appello a Musumeci e al ministro Speranza

0

Il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ha prorogato le restrizioni della “zona arancione” nel comune di Niscemi.

“È stata prorogata fino a martedì 14 settembre (compreso) la “zona arancione” a Niscemi, in provincia di Caltanissetta”. Lo prevede un’ordinanza firmata ieri sera del presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci. Nel Comune viene consentita la ristorazione e la somministrazione di alimenti e bevande mantenendo, però, sempre il limite di quattro persone al tavolo (ad eccezione dei conviventi). Per tutte le informazioni in merito alle misure previste è possibile consultare le Faq diffuse dall’assessorato regionale alla Salute.

Nessuna proroga per la “zona arancione” a Barrafranca, in provincia di Enna, in scadenza sempre nella giornata di oggi.

LEGGI ANCHE
La Regione Siciliana mette in sicurezza 4 arterie stradali tra il Palermitano e il Nisseno

Intanto 52 sindaci della provincia di Palermo chiedono gli elenchi con i nomi e gli indirizzi dei positivi al Covid residenti nel loro territorio. Uniti in protesta rivolgono un appello a Musumeci e al ministro Speranza.

Mentre finora il Garante della privacy impedisce che siano diffusi gli elenchi dei no vax, i primi cittadini chiedono di poter monitorare i positivi. Obiettivo è verificare che rispettino la quarantena e per avviare le misure socio assistenziali di loro competenza.

L’appello nasce da una direttiva che il commissario per l’emergenza Covid di Palermo, Renato Costa, ha dettato a fine luglio. Proprio sulla base di disposizioni del Garante della privacy è stato deciso che gli elenchi con i nomi e i recapiti dei positivi possano essere inviati solo ai prefetti. Ai sindaci viene comunicato solo il numero dei contagiati.

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.