Chiudono a Palermo le gelaterie Brioscià, dichiarato il fallimento

Ora sono 30 persone rimaste senza lavoro

0

Colpo per gli amanti del gelato, a Palermo chiudono le gelaterie del marchio Brioscià. Ora sono 30 le persone rimaste senza lavoro.

La chiusura avviene perché le gelaterie Brioscia hanno dichiarato fallimento non avendo retto la crisi dovuta anche all’emergenza sanitaria. Chiudono quindi i due punti vendita di via Pipitone Federico e via Mariano Stabile, in pieno centro. Chiuse anche anche la Pasticceria Badalamenti di piazza Partanna Mondello della società Magi Srl che è proprietaria delle gelaterie Brioscià.

Il lockdown, l’assenza di turisti che a Palermo si è fatta sentire non poco, e le continue restrizioni, hanno ridotto all’osso gli affari, portando un buco considerevole nelle casse della società.

Come di legge sul Giornale di Sicilia, «ll legale rappresentante ha aderito alla procedura», fanno sapere dalla difesa, «tenuto conto che non era possibile sanare l’ammontare dell’esposizione». Una situazione, però, aggiunge il legale della difesa, «nella quale le cause del dissesto sono imputabili ad altro soggetto».

A quanto pare, infatti, la titolare della società dichiarata fallita aveva chiesto delle perizie contabili che aveva portato a scoprire delle irregolarità a cui non si è potuto dare seguito. Ed è possibile, anticipano ancora dalla difesa, che la vicenda abbia una coda in sede penale.

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.