Caos nei pronto soccorso, tantissime ambulanze in fila (VIDEO)

Non sono mancati i momenti di tensione. A riportare la calma ci ha pensato la Polizia

0

È caos nei pronto soccorso ordinari di Palermo. Lo dimostra un video pubblicato sui social che gli ospedali della città sono al momento sottoposti a forte pressione a causa della mancanza di posti letto ordinari. Mentre i reparti destinati ai positivi si svuotano, a Palermo inizia a pesare la mancanza di reparti ordinari.

Indice di sovraffollamento del 332% a Palermo

Oggi al Civico di Palermo le ambulanze erano in fila, in attesa di far scendere i pazienti. Non sono mancati i momenti di tensione. A riportare la calma ci ha pensato la Polizia. A Palermo è stato registrato un indice di sovraffollamento pari al 322 per cento. Una situazione paradossale se si pensa che i reparti destinati ai positivi rimangono vuoti in attesa della riconversione.

“Situazione inaccettabile”

“Quello che sta succedendo nei pronto soccorso siciliani è inaccettabile, ambulanze in fila, sale d’attesa sovraffollate e pazienti anche nei corridoi. La sanità è al collasso, Musumeci renda immediatamente noto e operativo, sempre che ce l’abbia, il piano di riconversione degli ospedali, ora che il virus sta finalmente allentando la presa”. Lo affermano i deputati regionali del M5S Francesco Cappello, Salvatore Siragusa, Giorgio Pasqua e Antonio De Luca, componenti della commissione Salute dell’Ars.

“Ora Musumeci nomini un assessore alla Sanità”

“Parecchi reparti e medici destinati al Covid – dicono – vanno restituiti immediatamente alla sanità ordinaria, che è ora quella che rischia il tracollo. Purtroppo non ci sembra che ci si stia muovendo con lucidità e con la giusta tempistica in questa direzione, e la mancanza di un assessore a tempo pieno non giova certamente. Musumeci invece di tenere in caldo il posto a Razza, perdendo tempo in attesa che ci siano le condizioni politiche per fare rientrare il suo delfino, nomini subito un nuovo assessore, che ovviamente sia diverso dal precedente”

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.