Cambio di passo del Governo sui matrimoni, potranno ripartire in sicurezza

Possibile che lunedì arrivi la data dopo la Cabina di regia tra Governo e Comitato tecnico scientifico, la notizia dopo il vertice tra associazioni di categoria e il sottosegretario Costa

Giungono notizie confortanti sul fronte dei matrimoni. Presto il governo annuncerà la data per la ripartenza. La notizia arriva dopo un vertice intercorso tra il sottosegretario alla Salute Andrea Costa e le associazioni italiane del wedding rappresentata dal Fipe Confcommercio.

La data del 15 giugno per la ripresa dei matrimoni potrebbe subire delle modifiche

C’è una data che circola con insistenza in questi giorni, il 15 giugno che però potrebbe non essere questa. Si fanno sempre più insistenti, infatti, le notizie di un possibile cambiamento di rotta. Quale sarà il giorno della possibile ripartenza del comparto dei matrimoni ed eventi? Se lo chiedono migliaia di coppie italiane che attendono il via da settimane e oltre 100 mila operatori del settore wedding. La settimana prossima sarà decisiva e il Governo scioglierà le riserve. Possibile un’anticipazione della data. Ecco la notizia positiva.

Tanti matrimoni spostati in estate o rinviati al 2022

«Considerando i matrimoni rimandati dal 2020 ad oggi 4 su 5 sono stati posticipati ed entro fine anno si dovrebbero svolgere almeno 30mila ricevimenti» dice al Sole 24 Ore Clara Trama, fondatrice e presidente dell’Associazione italiana wedding planner. La ripresa dei pranzi di nozze innescherà uno slalom delle date poichè ci si sarebbe dovuto sposare nei giorni scorsi ha rinviato in attesa di tempi migliori.

I protocolli per la ripartenza

Esistono già protocolli di sicurezza stilati dall’associazione italiana wedding planner con Uni ha preparato le «Linee guida alle misure per il contenimento del rischio di contagio e sue varianti nello svolgimento di matrimoni» con un manager che individua i profili di rischio, redige il piano di sicurezza, fissa le misure di prevenzione e per il distanziamento. Ci sono anche i protocolli fissati dalla Conferenza delle Regioni e proposti al Governo. Insomma è tutto pronto per dare il via libera ai ricevimenti. 

La notizia che tutti aspettavano

Ieri il Fipe Confcommercio ha avviato il dialogo con Andrea Costa, sottosegretario alla Salute. Nel corso di un vertice è stato affrontato il tema della ripresa dell’attività di banqueting e catering legati a matrimoni, eventi e cerimonie. Si è ipotizzata una data che si trova tra la fine del mese di maggio e gli inizi di giugno, come dice una nota del Fipe. «Siamo di fronte ad prospettive confortanti – commenta Lino Enrico Stoppani, presidente di Fipe Confcommercio – soprattutto, se come anticipato, saranno precedute da una revisione dei parametri attraverso i quali il Governo intende misurare l’evoluzione della pandemia. Oggi, come è evidente, le condizioni sono radicalmente cambiate rispetto a un anno fa».

Ma i wedding planner lamentano: Non c’è la data

Senza una data certa per la ripartenza gli organizzatori non sanno come pianificare. Per questo continuano a chiedere con forza che il Governo faccia presto a dare una data agli sposi. C’è poi l’incognita coprifuoco che a giugno dovrebbe essere annullato. La cabina di regia in programma per lunedì prossimo dovrebbe valutare alcune positive novità, come l’allentamento degli orari del coprifuoco, la possibilità di consentire l’attività anche all’interno dei pubblici esercizi e la definizione di una data certa per la ripresa dei matrimoni e dunque del lavoro delle imprese di catering e banqueting.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.