Màkari incanta su Rai1, ora i fan vogliono la seconda stagione

Tra gli splendidi paesaggi della Sicilia nord-occidentale, Màkari conquista il cuore dei telespettatori

Màkari entra nel cuore degli italiani e chiude in bellezza, con 6 milioni 451 mila telespettatori e il 26,3% di share su Rai1. I fan di Saverio La Manna già sperano in una seconda stagione. Nessuna anticipazione di Makari 2 però ancora esiste.

Tra gli splendidi paesaggi della Sicilia nord-occidentale, Màkari, tratta dai gialli trapanesi di Gaetano Savatteri editi da Sellerio, ha conquistato il pubblico della rete ammiraglia RAI. Lo dicono i dati Auditel.

Il protagonista Saverio Lamanna alias Claudio Gioè si è congedato dal pubblico dopo un nuovo omicidio risolto. Per il giornalista anche la resa dei conti con la Suleima, interpretata dalla catanese Ester Pantano, che parte per Milano salutandolo dal traghetto, con un finale aperto (è incinta?).

Màkari è stato un successo clamoroso. Il suo debutto ha superato i 7 milioni.
Dell’ottimo riscontro di pubblico di Màkari, diretta da Michele Soavi – con nel cast, tra gli altri, Domenico Centamore, nei panni del simpatico Peppe Piccionello, Antonella Attili e Maribella Piana – parla lo scrittore e giornalista Gaetano Savatteri.

«Ritengo che il successo vada ricercato anche nell’ambientazione, ovvero la Sicilia, nella tensione tra la luce che ammalia e la complessità, per questo non ne siamo mai sazi in letteratura, al cinema e in tv: non dimentichiamolo, è uno scenario dai tempi che furono di tanta cinematografia, da Germi a Visconti, e di letteratura e cultura nella quale tutti siamo immersi. Inoltre credo che la Sicilia raccolga in sé tutta la profondità dell’essere italiano».Savatteri sottolinea che i suoi gialli sono solo d’ispirazione: «Io non ho voluto aggiungere nulla alla serie. Mi piace però pensare che finalmente si veicoli l’immagine di una Sicilia differente. Quella di una Sicilia dolce-amara in cui accanto all’immobilismo c’è tanta forza dinamica».

«Chiunque – prosegue Savatteri in una conversazione con l’ANSA – su quest’isola decida di scrivere, e girare, non deve fare i conti con una scuola di scrittura siciliana, ma con figure potenti che incombono sulla pagina. Facciamo parte di un ritratto di famiglia che include Camilleri, Sciascia, Vittorini, Brancati, Tomasi di Lampedusa, senza tralasciare Verga, Bufalino».

Ora i fan di Màkari aspettano la seconda stagione. «Bisogna chiedere alla Rai e alla produzione, alla Palomar di Carlo degli Esposti», spiega lo scrittore. «Io di romanzi ne ho ancora tre già usciti in libreria e altri otto racconti».

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.