Sì ai pranzi tra amici e parenti in altro Comune a Pasque e Pasquetta, le Faq del Governo

Unica limitazione nel numero dei commensali che possono partecipare ai pranzi

Ok al pranzo di Pasqua e Pasquetta a casa di parenti e amici e anche fuori dal proprio comune di residenza. Unico limite è il numero di commensali che resta limitato. Lo chiarisce il governo nelle nuove Faq relative al decreto varato il 13 marzo.

Il decreto regola spostamenti e limitazioni dal 15 marzo fino al 6 aprile. Attesi i chiarimenti delle festività pasquali. Ecco le Faq.

Visita a parenti e amici

Nelle zone rosse questi spostamenti sono vietati, tranne dal 3 al 5 aprile. “Gli spostamenti per far visita ad amici o parenti autosufficienti e, in generale, tutti gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria non dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute sono vietati fino al 2 aprile e nella giornata del 6 aprile 2021”.

Nelle zone arancioni, quindi anche in Sicilia, ok a visite ad amici o parenti ma una sola volta al giorno, verso una sola abitazione privata abitata dello stesso Comune, tra le ore 5.00 e le 22.00, a un massimo di due persone (i minori di 14 anni non vengono computati). A chi vive in un Comune fino a 5.000 abitanti è comunque consentito spostarsi, tra le 5 e le 22 entro i 30 km dal confine del proprio Comune (quindi eventualmente anche in un’altra Regione o Provincia autonoma), anche per le visite ad amici o parenti nelle modalità già descritte. Resta il divieto però di spostarsi verso i capoluoghi di Provincia.

Pranzi da amici e parenti a Pasqua e Pasquetta

Cambia tutto, o quasi, dal 3 al 5 aprile dove vengono consentiti gli spostamenti tra comuni, anche se tutte le regioni saranno in zona rossa. In particolare, per la Domenica di Pasqua il governo afferma che: “Nei giorni 3, 4 e 5 aprile 2021 sarà consentito una sola volta al giorno, spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata della stessa Regione, tra le ore 5.00 e le 22.00, a un massimo di due persone, oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro”. Gli esperti consigliano di indossare sempre la mascherina in casa quando ci sono estranei al nucleo familiare, di sedere a tavola rispettando le distanze, di arieggiare i locali e di lavarsi costantemente le mani. A tavola non più di 4 persone o ospiti con figli.

Spostamenti verso seconde case

Si può sempre andare nelle seconde case, anche in zona rossa. Fino al 6 aprile 2021, si legge, “in zona rossa sono consentiti esclusivamente i seguenti spostamenti: per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità (anche verso un’altra Regione o Provincia autonoma); il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, compreso il rientro nelle “seconde case” ubicate dentro e fuori regione”.

Separati o divorziati

Gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore “sono consentiti anche tra Regioni e tra aree differenti” ma “dovranno in ogni caso avvenire scegliendo il tragitto più breve e nel rispetto di tutte le prescrizioni di tipo sanitario (persone in quarantena, positive, immunodepresse etc.), nonché secondo le modalità previste dal giudice con i provvedimenti di separazione o divorzio o, in assenza di tali provvedimenti, secondo quanto concordato tra i genitori”.

Messe a Pasqua

Anche a Pasqua “è possibile raggiungere il luogo di culto più vicino a casa, intendendo tale spostamento per quanto possibile nelle prossimità della propria abitazione. Infatti, l’accesso ai luoghi di culto è consentito, purché si evitino assembramenti e si assicuri tra i frequentatori la distanza non inferiore a un metro. Possono essere altresì raggiunti i luoghi di culto in occasione degli spostamenti comunque consentiti, cioè quelli determinati da comprovate esigenze lavorative o da necessità, e che si trovino lungo il percorso già previsto, in modo che, in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine, si possa esibire o rendere la autodichiarazione prevista per lo spostamento lavorativo o di necessità”.

Sport

“Nell’area rossa è consentito svolgere l’attività sportiva esclusivamente nell’ambito del territorio del proprio Comune, dalle 5.00 alle 22.00, in forma individuale e all’aperto, mantenendo la distanza interpersonale di due metri”. È comunque possibile, “nello svolgimento di un’attività sportiva che comporti uno spostamento (per esempio la corsa o la bicicletta), entrare in un altro Comune, purché tale spostamento resti funzionale unicamente all’attività sportiva stessa e la destinazione finale coincida con il Comune di partenza”.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.