AstraZeneca sicuro, lo dice l’OMS, ok in Italia anche a J&J

Le rassicurazioni dell’Oms puntano a non rallentare la corsa alle somministrazioni

L’Organizzazione Mondiale della Sanità tranquillizza su AstraZeneca: “È sicuro”.

Stop agli allarmismi dopo i casi sospetti anche in Sicilia. Ora il Piano va avanti anche con il vaccino di Oxford. Le rassicurazioni dell’Oms puntano a non rallentare la corsa alle somministrazioni, dopo i casi sospetti dovuti alla morte di persone che da poco si erano vaccinate con il siero di AstraZeneca: tra i 4 indagati a Siracusa l’Ad Lorenzo Wittum.

Del lotto con la sigla ABV2856 sequestrato dai Nas – che conteneva 560mila dosi – ne erano state già somministrate 250mila. Ma ora «non c’è alcun motivo» per smettere di usare quel tipo di vaccino, spiega l’Organizzazione mondiale della Sanità. Si prosegue «con rinnovata intensità,» come ha anche spiegato il premier Mario Draghi e in generale il quadro descritto dai territori indica che la macchina ora è pronta ad andare forte, ma non decolla perché il Paese non è stato inondato di vaccini così com’era auspicato. E si rischia persino di finire la benzina.

Anche Musumeci ha fatto appello al Governo nazionale per accelerare con le forniture di vaccini. La Sicilia è pronta a fare decine di migliaia di vaccinazioni al giorno ma le forniture stentano ancora ad arrivare.

Intanto via libera dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) al vaccino anti-Covid dell’azienda Johnson & Johnson per l’autorizzazione all’immissione in commercio e all’utilizzo nell’ambito del Servizio sanitario nazionale. Giovedì il vaccino “J&J” aveva ottenuto l’approvazione dall’Agenzia europea dei medicinali Ema. Si tratta del quarto vaccino anti-Covid approvato in Italia dopo quelli di Pfizer-BionTech, Moderna e AstraZeneca e si tratta di un siero monodose, quindi non avrà bisogno di richiami.

Aifa ha autorizzato il vaccino Janssen per la prevenzione della malattia per i soggetti al di sopra dei 18 anni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.