Gli organi della piccola Antonella Sicomero salveranno 5 persone

Sulla morte della piccola Antonella Sicomero ci sono due inchieste aperte dalla Procura ordinaria diretta da Francesco Lo Voi e da quella dei minorenni guidata da Massimo Russo

La bambina morta a Palermo dopo una presunta sfida su Tik-Tok salverà almeno 5 vite.

  • Iniziata all’Ospedale l’operazione di espianto degli organi
  • I genitori danno il consenso all’espianto degli organi
  • Il racconto della tragedia di Palermo e le indagini

Un dolore enorme dei genitori che viene colmato, solo in minima parte, dal gesto d’amore che permetterà di dare una speranza grazie alla donazione degli organi di Antonella Sicomero. Il papà è un muratore, la mamma una casalinga che è al nono mese della sua quarta gravidanza.

L’operazione di espianto degli organi

All’ospedale di Bambini di Palermo è già iniziata l’operazione di espianto da parte di una equipe medica dell’ospedale Bambin Gesù. Un intervento autorizzato dai genitori spezzati dal dolore per la perdita assurda sella figlioletta. Hanno dato il proprio assenso al prelievo delle cornee, fegato, pancreas e reni. Se risulteranno idonei, sono destinati a pazienti in attesa di trapianto a Roma e a Milano. L’intervento è coordinato dal Centro regionale trapianti Sicilia.

Il racconto della tragedia di Palermo

Una tragedia che è avvenuta mercoledì sera alla Kalsa. Il dramma in una casa in vicolo Schiavuzzo. L’allarme è partito quando la sorellina più piccola di Antonella l’ha trovata in bagno. La piccola era esanime e cianotica. Sono stati momenti di disperazione nell’appartamento. Le urla e i vicino che scendono in strada per capire cosa sia accaduto.

Per tutta la notte i medici dell’ospedale dei Bambini hanno cercato di salvarle la vita ma i danni da asfissia erano irreversibili. La bambina ieri mattina è stata dichiarata cerebralmente morta.

Il cuoricino della bambina va all’Ismett di Palermo. All’ospedale Bambin Gesù di Roma andranno una parte del fegato e un rene, l’altra parte e il pancreas (per un trapianto combinato). Il secondo rene è invece destinato a Genova.

Le indagini sull’accaduto

Sulla morte della piccola Antonella Sicomero ci sono due inchieste aperte dalla Procura ordinaria diretta da Francesco Lo Voi e da quella dei minorenni guidata da Massimo Russo, che ha formulato l’ipotesi di reato di istigazione al suicidio. E’ la polizia a indagare per ricostruire le ultime fasi di vita della piccola. Indizi si cercano nel telefonino, per verificare se e come la bambina possa avere avuto la possibilità di partecipare alla sfida (resistere il più possibile senza respirare) sul social, se abbia registrato un video o ne abbia visionato e abbia tentato di emulare qualcun altro.

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.