La Sicilia è zona rossa dal 17 gennaio, lo ha deciso il Governo

Secondo i dati del report settimanale della cabina di regia relativi alla settimana 4-10 gennaio, la Sicilia ha un rischio alto e un indice Rt pari a 1.14

La Sicilia è in zona rossa e lo è ufficialmente. Zona rossa con Lombardia e provincia di Bolzano. Lo dice il Ministero della Salute. Il ministro Speranza firmerà nelle prossime ore una nuova ordinanza che andrà in vigore a partire da domenica 17 gennaio. Secondo i dati del report settimanale della cabina di regia relativi alla settimana 4-10 gennaio, la Sicilia ha un rischio alto e un indice Rt pari a 1.14. Dunque al di sotto di 1,25 necessario per finire in zona rossa. Il governo però, vista la richiesta di Musumeci, la collocherà in zona rossa. Il provvedimento sarà in vigore da domenica 17 gennaio.

La stessa ordinanza stabilisce i colori di tutte le altre regioni. Nove Regioni passano in area arancione: sono le Regioni Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria e Valle D’Aosta. Restano in area arancione dove già si trovavano in tre: Calabria, Emilia-Romagna e Veneto.

Le virtuose, invece, sono sei e non una sola come era stato ipotizzato nei giorni scorsi in base ai dati parziali che affluivano. Di fatto la Campania insieme ad altre 5 regioni e Province Autonome restano in fascia gialla. Sono Sardegna, Basilicata, Toscana, Provincia Autonoma di Trento e Molise.

Intanto si apprendono i primi dati sull’andamento dei provvedimenti nel periodo delle feste e dunque del contagio. “Nella settimana in valutazione che va dal 4 al 10 gennaio, prima analisi del contagio di Natale (seguirà l’analisi dell’eventuale contagio di capodanno nella settimana successiva) si osserva un ulteriore lieve aumento della incidenza nel Paese (183,36 per 100.000 abitanti). L’incremento, dicono dall’Istituto Superiore di Sanità, è stato ‘relativamente contenuto grazie alle misure di mitigazione adottate nel periodo festivo”.

Contrari alla zona rossa generalizzata in Sicilia, i deputati di M5s all’Ars: “Musumeci non scarichi le sue responsabilità su Roma e preveda la massima restrizione solo per i centri dove l’avanzata del virus è fuori controllo. Non ha senso mettere in ginocchio le già agonizzanti attività commerciali in maniera generalizzata ovunque nell’isola”, affermano in una nota i deputati regionali 5stelle della commissione Salute, Francesco Cappello, Antonio De Luca, Giorgio Pasqua e Salvatore Siragusa.

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.