Nuovo Dpcm prolunga restrizioni fino al 5 marzo, Sicilia verso il rosso

Ieri il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci è stato lapidario, servono decisioni forti

La bozza del nuovo Dpcm elaborata dal Governo è già stata approvata e manterrà limitazioni e fasce fino a marzo. Le restrizioni delle feste, in sostanza, saranno prorogate. Intanto la Sicilia va verso la dichiarazione di zona rossa per le Città Metropolitane come ha annunciato ieri Musumeci. Non sarà possibile spostarsi tra Regioni e comuni ma ci saranno deroghe per i piccoli centri. Ancora limitazioni per le visite ai parenti e coprifuoco.

La bozza è nella sua versione definitiva. E’ stata approvata nella notte dal Consiglio dei ministri che ha introdotto una serie di misure legate all’emergenza Coronavirus. Si tratta di una sorta di prolungamento delle regole natalizie ma con un irrigidimento dei parametri per il cambio di colore delle regioni.

Come si legge nella bozza del nuovo Dcpm, saranno vietati gli spostamenti tra le regioni e le province autonome “dal 16 gennaio 2021 al 5 marzo 2021”, salvo quelli “motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione”.

Il Consiglio dei ministri, su proposta del presidente Giuseppe Conte, vista la nota del ministro della Salute e il parere del Comitato tecnico scientifico, ha deliberato la proroga, fino al 30 aprile, dello stato d’emergenza dichiarato in conseguenza della dichiarazione di “emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale” da parte della Organizzazione mondiale della sanità.

Nelle regioni arancioni saranno consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia. Si tratta dello stesso provvedimento del Natale. Gli spostamenti consentiti a un massimo di due persone per andare a visitare amici o parenti. Si potrà fare solo una volta al giorno. Resta anche il coprifuoco dalle 22 alle 5 e gli spostamenti sono consentiti solo dalle 5 alle 22.

Il Dpcm introduce anche la zona bianca cioè a basso rischio. Sarà il ministro alla Salute a individuare queste zone che potranno godere di più libertà. Sono quelle che “si collocano in uno scenario di tipo 1 e con un livello di rischio basso, ove nel relativo territorio si manifesti una incidenza settimanale dei contagi, per due settimane consecutive, inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti”. In queste regioni, “cessano di applicarsi le misure” previste dal decreto legge che detta le varie limitazioni oggi in vigore.

Quale destino per la Sicilia? Ieri il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci è stato lapidario. In una intervista a TgCom24 ha riferito l’intenzione di voler dichiarare zona rossa almeno le tre grandi aree metropolitane di Palermo, Catania e Messina. Messina già lo è. Domani il ministero della Salute Speranza assegnerà i nuovi colori e Misilmeri si comporterà di conseguenza.

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.