Cene in famiglia e contagi, Musumeci dichiara San Fratello “zona rossa”

“Si continuano a fare pranzi e cene conviviali con troppe persone", ha detto il sindaco di San Fratello

San Fratello è zona rossa, lo ha appena deciso la regione siciliana. Il Comune in provincia di Messina, diventerà “zona rossa” da domani, giovedì 7 gennaio sino a giovedì 21 gennaio 2021. Lo prevede un’ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci che, d’intesa con l’assessore alla Salute Ruggero Razza, ha disposto l’adozione della misura contenitiva. “Il provvedimento è stato varato – sentito il sindaco – considerata la gravità della situazione sanitaria al “fine di salvaguardare la salute pubblica”, si legge in una nota della Presidenza della Regione.

La richiesta di chiudere i confini per evitare l’aumento dei contagi era arrivata negli ultimi giorni dal sindaco Salvatore Sidoti Pinto, che aveva lanciato l’allarme dopo gli ultimi riscontri ai tamponi molecolari e il comportamento della cittadinanza, ritenuto poco responsabile: “Si continuano a fare pranzi e cene conviviali con troppe persone – ha detto il sindaco di San Fratello – soprattutto in campagna, e si fa poco per evitare di incontrare il nemico in agguato, questo maledetto virus che ha messo in ginocchio il mondo intero”. Intanto, appena una settimana fa, 30 ospiti della RSA “Maria Immacolata” di San Fratello sono stati trasferiti a Messina.

LEGGI ANCHE  Zona Rossa Sicilia, Musumeci: "Se non lo fa il Governo lo decido io" (VIDEO)

E’ stata inoltre prorogata sino al 15 gennaio (compreso) l’ordinanza n. 64 del 10 dicembre 2020 contenente misure di contenimento relative ai soggetti che fanno ingresso nel territorio della Regione, misure aggiuntive di distanziamento interpersonale e il coinvolgimento dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta nella gestione dei pazienti Covid-19 positivi o sospetti tali.

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK