Nuove restrizioni, Zona Arancione sabato e domenica, divieto di spostamento tra Regioni fino al 15 gennaio

Si va verso il ritorno ad una divisione in fasce, a partire da lunedì 11 gennaio

Il Consiglio dei Ministri ha approvato durante la notte le nuove misure anti-Covid che prevedono la arancione sabato 9 e domenica 10 e lo stop agli spostamenti tra Regioni fino al 15 gennaio.

Si tratta del decreto “ponte” che decide nuove restrizioni tra l’epifania e metà gennaio. Il 15 gennaio arriverà un Dpcm.

Ecco cosa prevede il nuovo decreto legge.

Scuole superiori riaperte solo dall’11 gennaio, weekend del 9-10 in zona arancione per tutta l’Italia, mentre negli altri giorni vigerà una zona gialla rafforzata, ovvero con lo stop agli spostamenti tra le Regioni.

Si va verso il ritorno ad una divisione in fasce, a partire da lunedì 11 gennaio. Il provvedimento introduce anche criteri più rigidi per l’individuazione degli scenari di rischio.

Dopo i due giorni di zona rossa, tutta Italia entrerà quindi in zona gialla il 7 e l’8 gennaio, con libertà di movimento all’interno della Regione e la riapertura dei bar e dei ristoranti, che però dovranno richiudere e tornare all’asporto già dopo 48 ore. Nel weekend infatti si tornerà arancioni.

Spostamenti solo all’interno del proprio Comune fino al coprifuoco e autocertificazione per cambiare comune.
Da lunedì 11 ripartirà la zona gialla, salvo che dopo il monitoraggio dell’Iss in arrivo l’8 gennaio alcune Regioni non cambino colore, anche in base all’inasprimento delle soglie Rt per le fasce.

Lunedì 11 dovrebbe essere anche il giorno del rientro in classe per gli studenti delle superiori.

Come accaduto durante le festività è “comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma”.

Ancora deroga per due persone. Il comunicato pubblicato dal governo conferma anche l’altra deroga in vigore a Natale, cioè “la possibilità, già prevista dal decreto-legge 18 dicembre 2020, di spostarsi, una sola volta al giorno, in un massimo di due persone, verso una sola abitazione privata della propria regione. Alla persona o alle due persone che si spostano potranno accompagnarsi i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con queste persone convivono”. Il comunicato del governo conferma questa possibilità fino al 15 gennaio “nei territori inseriti nella cosiddetta zona rossa”.

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.