Focolaio dopo festa con 150 invitati, Comune siciliano dichiarato Zona rossa

Le misure restrittive resteranno in vigore fino alla mezzanotte di mercoledì 13 gennaio

Il Comune di Capizzi, in provincia di Messina, dalle ore 14 di domani, domenica 3 gennaio, sarà “zona rossa” per dieci giorni. Lo prevede un’ordinanza del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. Il provvedimento, preso d’intesa con l’assessore alla Salute Ruggero Razza, vista la relazione dell’Asp e sentito il sindaco, serve a salvaguardare la salute pubblica e contrastare la diffusione del Coronavirus.

Le misure restrittive resteranno in vigore fino alla mezzanotte di mercoledì 13 gennaio.

Preoccupato per il focolaio Covid 19, forse nato da una festa con oltre 150 partecipanti, il sindaco di Capizzi, che fa parte dell’Asp di Enna, ha lanciato l’ennesimo appello ai suoi concittadini, avvisando che avrebbe chiesto’ l’istituzione della “zona rossa”. Ieri erano 53, 26 i positivi al tampone rapido, e numerosi i casi di persone con sintomi o che sono entrati in contatto con persone risultate positive.

“La situazione e’ precipitata – ha detto il sindaco Leonardo Principato Trosso – ed ho comunicato alla Prefettura ed al questore di Messina la necessita’, per quanto possibile, di potenziare i controlli per individuare le violazioni ai divieti. Chi non ha rispettato e non rispetta i divieti non puo’ mettere a rischio una intera comunità. Ho comunicato la situazione all’assessorato regionale alla Salute e, se la situazione dovesse aggravarsi, sara’ inevitabile richiedere l’istituzione della zona rossa”. Sembra che all’origine del focolaio vi sia una festa privata, svolta lo scorso 20 dicembre in un ristorante di Nicosia (Enna) con oltre 150 invitati.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.