Conte da Vespa: “Nuovo lockdown a gennaio se sale indice Rt” (VIDEO)

Il decreto Natale intanto da oggi avvia la zona rossa

Un nuovo lockdown anche a gennaio se dopo le feste dovesse salire di nuovo l’indice Rt. Lo ha confermato il. Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in una intervista a Porta a Porta, andata in onda nella tarda serata di ieri. Il decreto Natale intanto da oggi avvia la zona rossa in tutta Italia e il governo spera che sia gli effetti desiderati.

L’esecutivo continua a lavorare guardando ai dati dei contagi e dei decessi che sono ancora alti e guarda al prossimo anno. Dovremmo “poter affrontare gennaio dosando cum grano salis le misure solo dove necessario tra zona gialla, arancione e rossa. Se dovesse arrivare un’impennata, una terza ondata o una variante che faccia sbalzare l’RT, allora ci troveremmo facilmente in zona rossa o con misure più restrittive. Ma in una situazione come quella attuale forse dovremmo affrontare gennaio-febbraio con una certa tranquillità” ha detto il premier in un’intervista a Porta a porta.

Ancora Lockdown quindi se i casi di essere tornare a salire dopo le feste di fine anno. Il 2020 quindi non metterà la parola fine ai vari Dpcm del presidente Conte che però lavora assieme ai ministri per far tornare in aula la maggioranza degli studenti. Dal 7 gennaio, infatti, le scuole dovrebbero ricominciare a riempirsi. Il piano del governo prevede aperture per territori. Se saranno garantite le condizioni di sicurezza, le scuole potranno riaprire, altrimenti si continuerà con la Dad.

E a proposito delle prime dosi di vaccino anti Covid, che arriveranno ufficialmente a partire dal 27 dicembre, Conte ha dichiarato: “Non c’è ragione di credere che le persone non si sottopongano volontariamente al vaccino”. Poi ha continuato dicendo che “non c’è l’ipotesi in cui non riuscissimo a realizzare il piano secondo previsioni, con 10-15mln di persone, che inizi a dare un impatto significativo, dovremmo arrivarci ad aprile. Se ci fosse un rifiuto di massa sarebbe un problema, un caso scuola”.

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.