Scambio di morti per Covid al Civico, forse celebrato funerale a defunto sbagliato

Sulla vicenda, ancora dai contorni poco chiari, starebbe indagando la Procura

All’ospedale Civico di Palermo sarebbe avvenuto un caso di scambio di salme. Il corpo di un uomo di 68 anni, morto per Covid-19, sarebbe stato scambiato con quello di un’altra persone deceduta al Civico. Così la salma dell’uomo, morto il 23 novembre, sarebbe rimasta nella camera mortuaria dell’ospedale mentre il 25 novembre era stato celebrato il funerale. Il funerale, quindi, sarebbe stato fatto al morto sbagliato.

Il corpo sarebbequello di un altro deceduto per Covid, come riporta l’agenzia Askanews, originario di Roccamena. La sua famiglia nel frattempo aveva già celebrato il funerale e la cui bara era già sepolta. Ma dentro quella bara potrebbe esserci la salma del messinese che non si troverebbe. Per questo adesso gli inquirenti hanno convocato i parenti di tutti gli otto defunti per Covid al Civico, in modo da rimettere ordine e restituire ad ogni famiglia il caro giusto.

LEGGI ANCHE  Covid-19, 10 positivi nella Rsa di Piana degli Albanesi

Sulla vicenda, che arriva in un momento buio come quello del momento, starebbero indagando i procuratori di Palermo. Sarebbe stato ordinato il sequestro delle salme delle persone decedute per Covid tra il 22 e il 23 novembre. I Carabinieri sono stati delegati alle indagini sul presunto scambio di salme dalla Procura di Palermo.

Dietro allo scambio di salme potrebbe esserci un errore nell’apposizione delle targhette che indicano il nome del defunto. Possibile che le salme giù tumulate possano essere estumulate.

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK