Mistero sulla morte di Agostino Cardovino, qualcuno è passato col rosso

Le immagini mostrano come Agostino sia stato centrato in pieno dalla Dacia Logan

Prima del tragico incidente in cui è morto Agostino Cardovino qualcuno non avrebbe rispettato il semaforo rosso.
Sono gli esiti della indagini sulla morte del 17enne travolto e ucciso in viale Regione, all’incrocio con via Perpignano.

La Polizia municipale ha analizzato il video girato dalla telecamere di sorveglianza e le immagini parlerebbero chiaro. Quella notte qualcuno ha attraversato con il semaforo rosso provocando il tragico incidente mortale.

La sezione Infortunistica della polizia municipale di Palermo e gli investigatori però mantengono lo stretto riserbo su chi abbia effettivamente attraversato con il rosso e le indagini sono ancora in corso.

Le immagini mostrano come Agostino sia stato centrato in pieno dalla Dacia Logan, guidata da una 21enne. La giovane si è fermata a soccorrere il ragazz, chiamando il 118. Uno scontro violentissimo che non ha lasciato scampo al giovane Agostino Cardovino che è morto sul colpo.

Inutili i soccorsi.La salma del giovane è poi stata trasferita all’istituto di medicina legale del Policlinico.

Il quartiere Noce, dove abitava il giovane, ha pianto il 23 giugno per la morte di Agostino Cardovino. Il video del funerale di Agostino ha fatto il giro dei social. Su Facebook un tripudio di foto e video, messaggi, ricordi del giovane della Noce.

Nella Chiesa del Sacro Cuore di Gesù, alla Noce, si è svolto il funerale di Agostino Cardovino, un ragazzo di appena 17 anni, morto nella notte tra Sabato e Domenica, su Viale Regione Siciliana. In centinaia hanno partecipato al dolore della famiglia.

Centinaia sono stati i palermitani che hanno dato l’ultimo saluto ad Agostino Cardovino. La sua bara bianca è stata portata in corteo per le strade del quartiere tra lacrime e disperazione degli amici e dei familiari. Scene di commozione e dolore si sono consumate alla Noce.

Ora si attendono gli esiti delle indagini sull’incidente che non sono ancora concluse.