Cronaca – Diretta Sicilia https://www.direttasicilia.it Giornale Online di Sicilia Sun, 24 May 2020 14:42:31 +0000 it-IT hourly 1 https://wordpress.org/?v=5.4.1 Tragedia a Belmonte Mezzagno che piange Gianluca Bisconti di 32 anni https://www.direttasicilia.it/2020/05/24/tragedia-a-belmonte-mezzagno-che-piange-gianluca-bisconti-di-32-anni/ https://www.direttasicilia.it/2020/05/24/tragedia-a-belmonte-mezzagno-che-piange-gianluca-bisconti-di-32-anni/#respond Sun, 24 May 2020 14:42:31 +0000 https://www.direttasicilia.it/?p=3443 Gianluca Bisconti

Si chiama Gianluca Bisconti la vittima di un grave incidente stradale avvenuto ieri sulla A13 Bologna-Padova. Bisconti, 32 anni, è originario di Belmonte Mezzagno, Comune in provincia di Palermo. Una tragedia che scioccato la comunità Belmontese. Il ragazzo è morto mentre si trovava a bordo della sua auto con i fratelli e gli amici, tutti […]

L'articolo Tragedia a Belmonte Mezzagno che piange Gianluca Bisconti di 32 anni è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>
Gianluca Bisconti

Si chiama Gianluca Bisconti la vittima di un grave incidente stradale avvenuto ieri sulla A13 Bologna-Padova. Bisconti, 32 anni, è originario di Belmonte Mezzagno, Comune in provincia di Palermo. Una tragedia che scioccato la comunità Belmontese.

Il ragazzo è morto mentre si trovava a bordo della sua auto con i fratelli e gli amici, tutti feriti come il conducente dell’altro mezzo coinvolto.

A quanto si apprende nello scontro, avvenuto intorno alle 20 di ieri sera, sarebbero rimaste coinvolte due auto, una delle quali si è ribaltata, l’altra è finita fuori strada. Una persona è morta, il giovane Gianluca Bisconti, e quattro sono rimaste ferite.

Sul posto le pattuglie della Sottosezione della Polizia stradale di Altedo, i Vigili del fuoco, il 118 presente con elisoccorso, tre ambulanze e un’automedica e il personale della Direzione terzo Tronco di Bologna di Autostrade per l’Italia.

Gianluca è volato fuori dall’abitacolo. Ed è morto sul colpo. Gli altri ragazzi che erano in macchina con Bisconti sono rimasti tutti feriti in maniera seria, ma non sono in pericolo di vita.

Alla notizia della morte di Gianluca Bisconti, tutta la comunità di Belmonte Mezzagno è rimasta sotto shock. Il ragazzo era conosciuto nel piccolo centro vicino a Palermo. “Belmonte Mezzagno piange il giovanissimo Gianluca Bisconti, coinvolto in un tragico incidente a Bologna dove risiedeva per lavoro g si legge su Facebook -. Che Iddio l’abbia in gloria. Stretto al dolore della famiglia porgo le mie più sentite. condoglianze. Riposa in pace Gianluca, la Comunità piange la Tua scomparsa”.

“Chi l’avrebbe mai detto che ci avresti lasciato cosi presto e in questo maledetto modo.Un destino crudele.Non meritavi questo. Ti Ricorderemo sempre gioioso e sorridente cugino. Resterai per sempre nei nostri cuori il nostro”.

L'articolo Tragedia a Belmonte Mezzagno che piange Gianluca Bisconti di 32 anni è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>
https://www.direttasicilia.it/2020/05/24/tragedia-a-belmonte-mezzagno-che-piange-gianluca-bisconti-di-32-anni/feed/ 0
Folla e controlli a Mondello, rispettato il distanziamento sociale https://www.direttasicilia.it/2020/05/24/folla-e-controlli-a-mondello-rispettato-il-distanziamento-sociale/ https://www.direttasicilia.it/2020/05/24/folla-e-controlli-a-mondello-rispettato-il-distanziamento-sociale/#respond Sun, 24 May 2020 11:17:38 +0000 https://www.direttasicilia.it/?p=3440

Anche oggi a Mondello folla e centinaia di bagnanti. Una folla composta che rispetta le distanze di sicurezza richiesta per evitare i contagi. Oltre 30 gradi, un mare splendido, poco vento. A Mondello è estate e la spiaggia anche questa mattina è stata presa d’assalto da centinaia di giovani, per lo più giovani. Difficile resistere […]

L'articolo Folla e controlli a Mondello, rispettato il distanziamento sociale è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>

Anche oggi a Mondello folla e centinaia di bagnanti. Una folla composta che rispetta le distanze di sicurezza richiesta per evitare i contagi.

Oltre 30 gradi, un mare splendido, poco vento. A Mondello è estate e la spiaggia anche questa mattina è stata presa d’assalto da centinaia di giovani, per lo più giovani. Difficile resistere al richiamo della bellissima spiaggia di Mondello.

Come mostra la webcam dell’associazione Albaria, la spiaggia anche oggi, come nel corso della giornata di ieri, è stata riempita da bagnanti.

Non mancano i controlli lungo la spiaggia da parte di Carabinieri, Guardia Costiera e Polizia municipale. Gli agenti e i militari controllano che non vengano creati assembramenti.

Bagnanti rispettosi a Mondello dove viene mantenuto il distanziamento sociale tra gli utenti della spiaggia che fino ad ora si sono dimostrati rispettosi delle regole.

Com’è prevedibile, nessuno indossa le mascherine. Se la situazione dovesse mutare, sia il sindaco di Palermo, sia il presidente della Regione Siciliana, hanno già annunciato di essere pronti disporre limitazioni.

L'articolo Folla e controlli a Mondello, rispettato il distanziamento sociale è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>
https://www.direttasicilia.it/2020/05/24/folla-e-controlli-a-mondello-rispettato-il-distanziamento-sociale/feed/ 0
Assembramenti al funerale a Bonagia di Giuseppe Giannalìa, scattano le denunce https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/assembramenti-al-funerale-a-bonagia-di-giuseppe-giannalia-scattano-le-denunce/ https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/assembramenti-al-funerale-a-bonagia-di-giuseppe-giannalia-scattano-le-denunce/#respond Sat, 23 May 2020 18:25:51 +0000 https://www.direttasicilia.it/?p=3433

La Polizia denuncia gli organizzatori della manifestazione che si è svolta questa mattina a Bonagia in seguito al funerale di Giuseppe Giannalìa. Secondo gli agenti della Polizia di Stato, la manifestazioni si sono svolte senza il rispetto delle prescrizioni anti Coronavirus. Si sono svolti questa mattina, nella Chiesa di San Curato d’Ars, i funerali del […]

L'articolo Assembramenti al funerale a Bonagia di Giuseppe Giannalìa, scattano le denunce è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>

La Polizia denuncia gli organizzatori della manifestazione che si è svolta questa mattina a Bonagia in seguito al funerale di Giuseppe Giannalìa.

Secondo gli agenti della Polizia di Stato, la manifestazioni si sono svolte senza il rispetto delle prescrizioni anti Coronavirus.

Si sono svolti questa mattina, nella Chiesa di San Curato d’Ars, i funerali del giovane Giuseppe Giannalìa, 18enne del quartiere Bonagia deceduto in ospedale dopo un grave incidente stradale. Una notizia che ha scosso l’intero quartiere palermitano.

Una folla di amici, compagni di scuola, parenti e curiosi si è radunata nei pressi della Chiesa di Dallas per salutare il giovane, non curandosi della necessità di rispettare, seppur in un momento di dolore, le necessarie misure di contenimento dei contagi da Covid-19 emanate dal Governo.

Il feretro è stato accompagnato dallo sparo di fuochi di artificio dai tetti di un palazzo, senza alcuna preventiva autorizzazione e creando una situazione di pericolo per i numerosi presenti.

Le Forze dell’Ordine presenti sul luogo si sono immediatamente attivate per scongiurare che le particolari e pericolose modalità di svolgimento della cerimonia potessero ulteriormente degenerare.

Gli agenti hanno, pertanto, documentato gli eventi in corso, senza tuttavia intervenire sul momento, al fine di non provocare ulteriori influenze sulle condizioni complessive dell’ordine pubblico.

La Polizia ha proceduto all’identificazione del promotore delle irregolarità riscontrate nell’immediatezza, al quale sono stati contestati i reati di promozione di riunioni pubbliche non autorizzate ai sensi del TULPS (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza), di accensioni pericolose, nonché l’aver creato una potenziale condizione di pericolo per la sanità pubblica, in ordine alle misure connesse all’attuale emergenza pandemica.

Attraverso l’analisi delle immagini riprese dal personale del Gabinetto di Polizia Scientifica, sono state, inoltre, avviate ulteriori attività di accertamento e di identificazione dei partecipanti, a carico dei quali saranno adottate le previste misure sanzionatorie.

L'articolo Assembramenti al funerale a Bonagia di Giuseppe Giannalìa, scattano le denunce è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>
https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/assembramenti-al-funerale-a-bonagia-di-giuseppe-giannalia-scattano-le-denunce/feed/ 0
Contagi zero oggi in Sicilia, si allontana l’emergenza https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/contagi-zero-oggi-in-sicilia-si-allontana-lemergenza/ https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/contagi-zero-oggi-in-sicilia-si-allontana-lemergenza/#respond Sat, 23 May 2020 15:37:34 +0000 https://www.direttasicilia.it/?p=3430

Oggi, 23 maggio è una data da ricordarw per i siciliani, non solo perché ricorre l’anniversario della strage di Capaci, ma anche perché è il primo giorno in cui si sono registrati zero contagi. Diminuiscono anche i ricoveri anche se da ieri si registra un decesso. Nessun caso di Coronavirus in Sicilia oggi. È il […]

L'articolo Contagi zero oggi in Sicilia, si allontana l’emergenza è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>

Oggi, 23 maggio è una data da ricordarw per i siciliani, non solo perché ricorre l’anniversario della strage di Capaci, ma anche perché è il primo giorno in cui si sono registrati zero contagi. Diminuiscono anche i ricoveri anche se da ieri si registra un decesso.

Nessun caso di Coronavirus in Sicilia oggi. È il primo giorno a contagi zero dall’inizio dell’emergenza Coronavirus.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 15 di oggi, in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all’Unità di crisi nazionale.

Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 131.913 (+2.482 rispetto a ieri), su 116.517 persone: di queste sono risultate positive 3.421 (0), mentre attualmente sono ancora contagiate 1.512 (-7), 1.640 sono guarite (+6) e 269 decedute (+1).

Degli attuali 1.512 positivi, 104 pazienti (-9) sono ricoverati – di cui 9 in terapia intensiva (-1) – mentre 1.408 (+2) sono in isolamento domiciliare. Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.
Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87.

L'articolo Contagi zero oggi in Sicilia, si allontana l’emergenza è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>
https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/contagi-zero-oggi-in-sicilia-si-allontana-lemergenza/feed/ 0
La spiaggia di Mondello assaltata, il Covid-19 non fa paura https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/la-spiaggia-di-mondello-assaltata-il-covid-19-non-fa-paura/ https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/la-spiaggia-di-mondello-assaltata-il-covid-19-non-fa-paura/#respond Sat, 23 May 2020 10:36:51 +0000 https://www.direttasicilia.it/?p=3422

È una Mondello affollata di persone questa mattina. Oggi 23 maggio la spiaggia bianca della borgata palermitana è stata presa d’assalto dai palermitani. In centinaia hanno approfittato della giornata di sole per fare il promo bagno della stagione e sdraiarsi al sole. In tanti hanno sfidato i divieti attualmente in vigore per il contrasto all’emergenza […]

L'articolo La spiaggia di Mondello assaltata, il Covid-19 non fa paura è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>

È una Mondello affollata di persone questa mattina. Oggi 23 maggio la spiaggia bianca della borgata palermitana è stata presa d’assalto dai palermitani. In centinaia hanno approfittato della giornata di sole per fare il promo bagno della stagione e sdraiarsi al sole.

In tanti hanno sfidato i divieti attualmente in vigore per il contrasto all’emergenza Covid-19. A Mondello il virus non fa più paura.

C’è da dire anche che i bagnanti, come si vede dalla foto tratta dalla Webcam di Albaria.org, i palermitani che hanno organizzato l’uscita a Mondello hanno rispettato le distanze gli uni dagli altri.

Secondo l’ordinanza regionale e le altre norme nazionali, al momento non è consentito sostare in spiaggia ma solo fare il bagno a mare a scopo sportivo. Difficile accettarlo per i tanti siciliani che non vedono l’ora, viste le giornate di caldo e di sole, di fare visita alle località di mare.

L'articolo La spiaggia di Mondello assaltata, il Covid-19 non fa paura è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>
https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/la-spiaggia-di-mondello-assaltata-il-covid-19-non-fa-paura/feed/ 0
Palermo piange Giuseppe Giannalìa, morto a 18 anni (VIDEO) https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/palermo-piange-giuseppe-giannalia-morto-a-18-anni/ https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/palermo-piange-giuseppe-giannalia-morto-a-18-anni/#respond Sat, 23 May 2020 09:30:49 +0000 https://www.direttasicilia.it/?p=3416

Una folla oceanica si è radunata a Bonagia per dare l’ultimo saluto a Giuseppe Giannalia. Si tratta del ragazzo di 18 anni morto in ospedale in seguito ad un grave incidente stradale avvenuto tra duo scooter in via Placido Rizzoto, nel quartiere di Bonagia, a Palermo. Palloncini, applausi, fuochi d’artificio, rombi di motori, hanno accompagnato […]

L'articolo Palermo piange Giuseppe Giannalìa, morto a 18 anni (VIDEO) è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>

Una folla oceanica si è radunata a Bonagia per dare l’ultimo saluto a Giuseppe Giannalia. Si tratta del ragazzo di 18 anni morto in ospedale in seguito ad un grave incidente stradale avvenuto tra duo scooter in via Placido Rizzoto, nel quartiere di Bonagia, a Palermo.

GIUSEPPE GIANNALIA Palloncini, applausi, fuochi d’artificio, rombi di motori, hanno accompagnato il feretro del giovane in mezzo ad una folla enorme. Tanti gli amici che hanno partecipato all’ultimo saluto di Peppe. La notizia ha messo sotto shock l’intera.

Questa mattina, nel giorno dei funerali di Peppe, così era chiamato a Dallas Giuseppe Giannalia, tantissime persone sono accorse per salutare l’amico, morto nel fiore dell’età.

Erano tante le speranze, le lacrime e le tante preghiere al cielo della sua famiglia, della fidanzata e degli amici. Ma le ferite riportate erano troppo gravi. Giuseppe Giannalìa, diciottenne residente a “Dallas”, non ce l’ha fatta. Le sue condizioni, apparse preoccupanti già negli attimi successivi al violento incidente, sono precipitate nel giro di pochi giorni. Il giovane è morto lasciando nello sconforto migliaia di persone che lo conoscevano.

La notizia della morte di Peppe è stata subito fatta circolare sui social e ha sconvolto l’intera città di Palermo. Nell’incidente rimasto gravemente ferito anche l’amico Anthony A., di 17 anni.

Il grave incidente stradale è avvenuto poco prima della mezzanotte del 16 maggio, in viale Placido Rizzoto, all’altezza del civico 59 nel popolare quartiere del capoluogo siciliano.

Nello scontro, violentissimo, erano sono rimasti coinvolti due scooter. Due feriti sono stati rianimati sul posto e intubati prima del trasporto in ospedale. A tutti e tre i medici hanno attribuito il codice rosso a causa dei traumi riportato nel violento scontro. G.B., 28 anni, ricoverato nel reparto di Ortopedia del Civico, ha riportato fratture e lesioni ma non sarebbe in pericolo di vita.

Oggi il quartiere di Bonagia si è fermato e non scorderà il sorriso di questo angelo che è volato in cielo troppo presto. Ciao Peppe.

L'articolo Palermo piange Giuseppe Giannalìa, morto a 18 anni (VIDEO) è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>
https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/palermo-piange-giuseppe-giannalia-morto-a-18-anni/feed/ 0
Mascherine a 6 euro, denunciato imprenditore a Partinico https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/mascherine-a-6-euro-denunciato-imprenditore-a-partinico/ https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/mascherine-a-6-euro-denunciato-imprenditore-a-partinico/#respond Sat, 23 May 2020 07:19:31 +0000 https://www.direttasicilia.it/?p=3414

I Finanzieri della Compagnia di Partinico hanno denunciato un imprenditore del settore del commercio al dettaglio di ferramenta per il reato di manovre speculative su merci. Le Fiamme Gialle, nel corso di un intervento finalizzato a verificare la sicurezza dei prodotti, hanno posto la loro attenzione sugli esorbitanti prezzi di vendita applicati a mascherine FFP2 […]

L'articolo Mascherine a 6 euro, denunciato imprenditore a Partinico è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>

I Finanzieri della Compagnia di Partinico hanno denunciato un imprenditore del settore del commercio al dettaglio di ferramenta per il reato di manovre speculative su merci.

Le Fiamme Gialle, nel corso di un intervento finalizzato a verificare la sicurezza dei prodotti, hanno posto la loro attenzione sugli esorbitanti prezzi di vendita applicati a mascherine FFP2 e visiere protettive assemblate in house, pubblicizzate sulle pagine di alcuni siti web e risultate, tra l’altro, prive del parere di conformità da parte dell’Istituto Superiore di Sanità e dell’INAIL in deroga alla normativa sul commercio.

L’ispezione ha permesso di constatare che l’amministratore della società, approfittando della carenza sul mercato locale di presidi individuali di protezione, imponeva un prezzo di vendita maggiorato rispetto a quello solitamente praticato sugli altri prodotti commercializzati.

In particolar l’imprenditore aveva acquistato una fornitura di mascherine FFP2 al costo di circa 2 euro al pezzo rivendendole poi sul mercato a 6 euro.
L’uomo applicava una pellicola di policristal a maschere dotate originariamente di una visiera a rete in nylon e destinate all’attività di giardinaggio, per un costo di 3,30 a prodotto, che poi rivendeva come visiere protettive, prevalentemente utilizzate in strutture sanitarie, al prezzo di 10 euro.

Il riscontro analitico delle fatture di acquisto e di vendita ha consentito così di determinare un ricarico del 175% per le mascherine FFP2 e del 202% per le visiere protettive, nettamente superiori ai ricarichi applicati per la vendita dei prodotti normalmente trattati dall’azienda che, invece, si attestavano generalmente tra il 50% e l’85%.

L’amministratore della società è stato deferito alla Procura della Repubblica di Palermo per il reato di manovre speculative su merci.

Continuano, incessanti, i controlli delle Fiamme Gialle in tutta la provincia palermitana al fine di controllare il rispetto delle misure di sicurezza adottate dall’Autorità governativa nonché contrastare possibili speculazioni o insidie alla sicurezza derivanti dalla commercializzazione di materiale non conforme alle norme.

L'articolo Mascherine a 6 euro, denunciato imprenditore a Partinico è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>
https://www.direttasicilia.it/2020/05/23/mascherine-a-6-euro-denunciato-imprenditore-a-partinico/feed/ 0
Naufragio della Nuova Iside, arriva la Marina Militare per le ricerche https://www.direttasicilia.it/2020/05/22/naufragio-della-nuova-iside-con-3-dispersi-arriva-nave-della-marina-militare/ https://www.direttasicilia.it/2020/05/22/naufragio-della-nuova-iside-con-3-dispersi-arriva-nave-della-marina-militare/#respond Fri, 22 May 2020 19:04:21 +0000 https://www.direttasicilia.it/?p=3407

Arriva una nave della Marina Militare italiana per le ricerche del peschereccio Nuova Iside. Si tratta dell’imbarcazione scomparsa dai radar il 13 maggio, trascinando con sé anche i tre uomini dell’equipaggio: il comandante Matteo Lo Iacono, Giuseppe Lo Iacono e Vito Lo Iacono. Quest’ultimo è ancora disperso in mare. Matteo e Giuseppe sono stati restituiti […]

L'articolo Naufragio della Nuova Iside, arriva la Marina Militare per le ricerche è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>

Arriva una nave della Marina Militare italiana per le ricerche del peschereccio Nuova Iside. Si tratta dell’imbarcazione scomparsa dai radar il 13 maggio, trascinando con sé anche i tre uomini dell’equipaggio: il comandante Matteo Lo Iacono, Giuseppe Lo Iacono e Vito Lo Iacono. Quest’ultimo è ancora disperso in mare. Matteo e Giuseppe sono stati restituiti dal mare e sono già stati eseguiti per loro i funerali.

Fondamentale per le indagini sulla sorte della Nuova Iside è il ritrovamento dell peschereccio. Secondo i legali delle famiglie coinvolte dalla tragedia, infatti, l’imbarcazione sarebbe naufragata a causa di uno speronamento.

Adesso, come riporta Tele Occidente, arriva una nave della Marina Militare che svolge il compito di appoggio subacqueo per i Palombari del COMSUBIN.
La nave arriverà in Sicilia per cercare di trovare il peschereccio Nuova Iside disperso nel tratto di mare tra Favignana ed Ustica nella notte tra il 12 e il 13 maggio scorsi.

Sono ancora in corso le ricerche della Guardia Costiera e dell’Aeronautica Militare di Vito Lo Iacono, figlio del capitano Matteo.

La nave della Marina Militare avrà il compito di scandagliare il fondo del tratto di mare in cui si pensa su sia inabissata l’imbarcazione. A comunicare la notizia è stato l’avvocato Aldo Ruffino, legale delle due famiglie Lo lacono che aveva avanzato, in rappresentanza delle due famiglie dei tre coinvolti nella sciagura.

Secondo le famiglie delle vittime, la Nuova Iside sarebbe stata vittima di un incidente e non sarebbe affondata a causa dello scirocco che ha ingrossato il mare.

L'articolo Naufragio della Nuova Iside, arriva la Marina Militare per le ricerche è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>
https://www.direttasicilia.it/2020/05/22/naufragio-della-nuova-iside-con-3-dispersi-arriva-nave-della-marina-militare/feed/ 0
Contagi Coronavirus Sicilia, solo 4 contagi in Sicilia e zero decessi https://www.direttasicilia.it/2020/05/22/contagi-coronavirus-sicilia-solo-4-contagi-in-sicilia-e-zero-decessi/ https://www.direttasicilia.it/2020/05/22/contagi-coronavirus-sicilia-solo-4-contagi-in-sicilia-e-zero-decessi/#respond Fri, 22 May 2020 15:20:31 +0000 https://www.direttasicilia.it/?p=3403

Sempre più guariti e terzo giorno senza decessi in Sicilia. Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 15 di oggi, in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all’Unità di crisi nazionale. Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 129.431 (+2.083 rispetto a ieri), su 114.230 persone: di queste […]

L'articolo Contagi Coronavirus Sicilia, solo 4 contagi in Sicilia e zero decessi è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>

Sempre più guariti e terzo giorno senza decessi in Sicilia.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato alle ore 15 di oggi, in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all’Unità di crisi nazionale.

Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 129.431 (+2.083 rispetto a ieri), su 114.230 persone: di queste sono risultate positive 3.421 (+4), mentre attualmente sono ancora contagiate 1.519 (-3), 1.634 sono guarite (+7) e 268 decedute (0).
Degli attuali 1.519 positivi, 113 pazienti (-5) sono ricoverati – di cui 10 in terapia intensiva (-1) – mentre 1.406 (+2) sono in isolamento domiciliare. Il prossimo aggiornamento regionale avverrà domani.
Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.

Si raccomanda di attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal ministero della Salute per contenere la diffusione del virus. Per ulteriori approfondimenti visitare il sito dedicato www.siciliacoronavirus.it o chiamare il numero verde 800.45.87.87.

L'articolo Contagi Coronavirus Sicilia, solo 4 contagi in Sicilia e zero decessi è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>
https://www.direttasicilia.it/2020/05/22/contagi-coronavirus-sicilia-solo-4-contagi-in-sicilia-e-zero-decessi/feed/ 0
Colpo alla mafia del Palermitano, maxi confisca di beni ad Andrea Impastato (VIDEO) https://www.direttasicilia.it/2020/05/22/colpo-alla-mafia-del-palermitano-maxi-confisca-di-beni-ad-andrea-impastato-video/ https://www.direttasicilia.it/2020/05/22/colpo-alla-mafia-del-palermitano-maxi-confisca-di-beni-ad-andrea-impastato-video/#respond Fri, 22 May 2020 09:42:31 +0000 https://www.direttasicilia.it/?p=3389

La Polizia di Stato ha eseguito un Decreto di Confisca di primo grado di beni emesso, su proposta del Procuratore della Repubblica di Palermo, dal Tribunale nei confronti di Andrea Impastato , 72enne nato a Cinisi. La confisca, per un valore complessivo di oltre 150 milioni di euro, è provento di attività illecite commesse dall’organizzazione […]

L'articolo Colpo alla mafia del Palermitano, maxi confisca di beni ad Andrea Impastato (VIDEO) è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>

La Polizia di Stato ha eseguito un Decreto di Confisca di primo grado di beni emesso, su proposta del Procuratore della Repubblica di Palermo, dal Tribunale nei confronti di Andrea Impastato , 72enne nato a Cinisi. La confisca, per un valore complessivo di oltre 150 milioni di euro, è provento di attività illecite commesse dall’organizzazione Cosa Nostra.

Le indagini patrimoniali, avviate dalla Divisione Anticrimine della Questura di Palermo – Ufficio Misure di Prevenzione Patrimoniali, coordinate dalla Procura della Repubblica, hanno permesso di ricostruire il patrimonio illecito di cui Impastato risultava poter disporre direttamente o indirettamente, anche attraverso l’individuazione della sua posizione economica e finanziaria sia sotto l’aspetto statico che dinamico.

L’attività di indagine è stata indirizzata principalmente alla verifica di eventuali profili di sproporzione esistenti tra il patrimonio disponibile e il profilo economico e finanziario anche in relazione alla platea di prestanome e fiduciari,  reclutati all’interno del suo nucleo familiare, che gli hanno consentito, nel tempo, di realizzare un “impero economico”. Il patrimonio era costituito da numerose imprese edili,  dei trasporti, dell’estrazione del materiale da cava, del turismo, da numerosi beni immobili. Tra questi, un intero complesso turistico a San Vito Lo Capo (TP) ed un complesso immobiliare adibito a centro commerciale di oltre 50 mila mq a Carini, oltre a rapporti bancari e finanziari.

Andrea Impastato è figlio di Giacomo detto “u sinnacheddu“, esponente mafioso di spicco della famiglia di Cinisi, in relazione con i noti Badalamenti, e fratello di Luigi (cl. 43), già indiziato mafioso ed ucciso a Palermo a colpi d’arma da fuoco nel corso di un agguato di mafia nel 1981.

Impastato è stato arrestato nel 2002 per associazione mafiosa. Le indagini, che hanno portato al suo arresto, hanno avuto origine da un’attività espletata nei confronti di Lipari Giuseppe (cl. 35), arrestato anche lui nel 2002,, in passato  stato condannato in via definitiva per associazione mafiosa proprio per la sua vicinanza a Bernardo Provenzano. Le investigazioni hanno permesso di accertare come il Lipari fosse il principale referente degli interessi economici dell’allora boss latitante per conto del quale aveva amministrato il suo ingente patrimonio.

Proprio dall’esame del materiale informatico sequestrato in casa di Giusppe Lipari  è emerso che Impastato era stato indicato dal Provenzano come uno dei principali referenti attraverso il quale il citato Lipari avrebbe potuto ottenere appoggio nell’attività di amministrazione e gestione dei beni.

L’attività di indagine sviluppata dalla Squadra Mobile di Palermo nelle operazioni antimafia culminate nell’arresto di centinaia di indiziati mafiosi e di numerosi latitanti ha fatto emergere una serie di contatti di Impastato, sia personali che economici, con numerosi personaggi di spicco di Cosa Nostra, quali Bernardo Provenzano e Salvatore Lo Piccolo.

Nel 2005 Impastato è stato condannato dalla Corte d’Appello di Palermo alla pena di anni 4 di reclusione, interdizione dai PP.UU. per anni 5, libertà vigilata per anni 1, perché riconosciuto colpevole dei reati di cui agli artt. 110, 416 bis commi 1, 4 e 6 C.P.

Gli esiti degli accertamenti economico-patrimoniali effettuati dall’Ufficio Misure di Prevenzione Patrimoniali della Questura di Palermo confluivano nella proposta del Procuratore della Repubblica di Palermo per l’applicazione delle misure di prevenzione personale e patrimoniale a carico di Andrea Impastato del 08/10/2007.

Nel 2008 il Tribunale di Palermo ha emesso un provvedimento con il quale ha disposto il sequestro dell’ingente patrimonio riconducibile al proposto, divenuto oggetto di confisca con l’odierno decreto.

Trai i beni sotto elencati, oggetto dell’importante misura ablatoria e che tornano oggi proprietà dello Stato, emergono: una cava, complessi industriali di oltre 50 mila Mq ed una grossa struttura alberghiera in una località di elevato interesse turistico (San Vito Lo Capo).

Tutti i cani confiscati:

AZIENDE

  1. M.E.C. Mediterranea Edil Commerciale s.r.l con sede in CINISI
  2. IN.CA.S. Inerti Calcarei Sud s.r.l. con sede iN Montelepre (PA)
  3. MEDI. TOUR s.r.l. con sede IN Palermo
  4. Prime Iniziative s.r.l. con sede in Carini (PA)
  5. PARADAIS s.r.l. con sede in Montelepre (PA)
  6. IMPRESA INDIVIDUALE IMPASTATO  con sede a MONTELEPRE (PA)
  7. icocem S.R.L. CON SEDE A MONTELEPRE (PA)

BENI IMMOBILI

  1. QUARANTA APPEZZAMENTI DI TERRENO EDIFICABILI E NON UBICATI NELLE LOCALITA’ DI TERRASINI, CINISI, CARINI, MONTELEPRE, MONREALE, SAN VITO LO CAPO
  2. UNA CAVA PER L’ESTRAZIONE DI INERTI UBICATA IN CONTRADA UCCIARDO TRA LE LOCALITA’ DI CARINI E MONTELEPRE
  3. UN COMPLESSO INDUSTRIALE A CARINI ADIBITO A CENTRO COMMERCIALE DI MQ 50.000 CIRCA ATTUALMENTE LOCATO AD UNA SOCIETA’ DI GRANDE DISTRIBUZIONE COMMERCIALE. (AZIENDA QUEST’ULTIMA ESTRANEA AL PRESENTE PROCEDIMENTO)
  4. UN COMPLESSO INDUSTRIALE A CARINI ADIBITO ALLA PREPARAZIONE DI INERTI E CONGLOMERATI CEMENTIZI
  5. UN COMPLESSO INDUSTRIALE COSTITUITO DA PIU’ CAPANNONI UTILIZZATI PER LO STOCCAGGIO IN LOCO DI MERCI VARIE CONTO TERZI NELLA ZONA INDUSTRIALE DI CARINI
  6. COMPLESSO TURISTICO RESIDENZIALE DENOMINATO “CALAMANCINA RESIDENCE” SITO NELLA LOCALITA’ DI SAN VITO LO CAPO COSTITUITO DA NUMEROSI APPARTAMENTI E DA ALCUNE VILLETTE
  7. SONO ALTRESI’ STATI CONFISCATI CONTI CORRENTI, DEPOSITI POSTALI E    TITOLI

L'articolo Colpo alla mafia del Palermitano, maxi confisca di beni ad Andrea Impastato (VIDEO) è stato pubblicato su Diretta Sicilia.

]]>
https://www.direttasicilia.it/2020/05/22/colpo-alla-mafia-del-palermitano-maxi-confisca-di-beni-ad-andrea-impastato-video/feed/ 0