Serie A, i migliori giocatori siciliani del campionato

di Redazione Web
lettura in 7 minuti

In Italia, il calcio è vissuto con grande passione da sempre e questo vale sia per i tifosi che per gli stessi giocatori, che sono riusciti a rendere la propria passione una vera e propria professione. Così, negli anni, ci sono stati tanti i talenti che sono arrivati a giocare in Serie A partendo anche da piccoli paesi di provincia o da regioni dove il calcio non è così diffuso, mentre altri da zone del nostro Paese dove si respira calcio in ogni città. Una di queste è sicuramente la Sicilia, che nel tempo ha “sfornato” tanti protagonisti della Serie A. Vediamo quindi chi sono i migliori giocatori della storia della Regione.

Dalla Sicilia alla Serie A: quanti campioni

Partendo dai portieri, Massimo Taibi è sicuramente uno dei numeri uno più forti della sua generazione, al punto da guadagnarsi la chiamata da parte del Manchester United, uno dei club più prestigiosi del mondo. Nato a Palermo nel 1970, Taibi è cresciuto nel Licata. Poi, nel 1990, la grande occasione al Milan dove però inizialmente non riesce ad emergere. È stato a Piacenza, dove è stato dal 1992 al 1997, che ha iniziato a farsi notare, tanto da riprendersi la maglia del Milan prima e quella dello United dopo. Sebbene la sua esperienza in Inghilterra sia stata breve, Taibi è ricordato per le sue doti di portiere para rigori e per il suo contributo alla squadra ed è uno dei soli tre portieri ad aver segnato in Serie A su azione.

Il caso vuole che un altro di questi tre portieri goleador è siciliano come Taibi. Si tratta di Michelangelo Rampulla, nato a Patti (in provincia di Messina) nel 1962 e a lungo portiere della Cremonese prima di passare alla Juventus dove è rimasto per ben dieci anni.

Tra i difensori, invece, troviamo Salvatore Aronica, che si è contraddistinto soprattutto con la maglia del Napoli ai tempi della prima gestione Mazzarri con cui è arrivato a giocare anche in Champions League. Il palermitano classe ‘78 è stato noto soprattutto per la sua ruvidità, tanto da riuscire a tenere a bada alcuni grandi campioni della Serie A e delle avversarie incontrate in Europa.

Alessandro Parisi è un altro giocatore siciliano che ha lasciato il segno nel calcio italiano sebbene la sua esperienza nel massimo campionato non sia stata così duratura. Nato nel 1977 a Catania, Parisi è stato uno dei terzini più forti in circolazione nelle sue esperienze in a con Messina e Bari, tant’è che è riuscito anche a guadagnarsi la convocazione in Nazionale. Tifosi e appassionati ricorderanno senz’altro il suo sinistro letale, che ha fatto male spesso e volentieri alle squadre avversarie.

Gaetano D’Agostino è un altro nome di spicco del calcio siciliano recente. Classe ’82 nato a Palermo, D’Agostino ha dimostrato di avere un gran talento, al punto che ad un certo punto della sua carriera si parlava anche di un interesse del Real Madrid. Le sue esperienze più rilevanti sono state quelle al Bari, dal 2001 al 2003, e all’Udinese, per cui ha giocato dal 2006 al 2010.

Giuseppe Furino è una figura importante nel calcio italiano, particolarmente nota soprattutto per il suo grande contributo alla Juventus degli anni ‘70. Anche lui palermitano, Furino è stato forse il miglior centrocampista siciliano, nonché tra i migliori della sua generazione, arrivando anche a vincere otto scudetti, 2 Coppe Italia, una Coppa Uefa e una Coppa delle Coppe.

Tra gli altri centrocampisti, troviamo poi Giovanni e Giacomo Tedesco, cresciuti nel quartiere Pallavicino di Palermo e poi diventati giocatori dei rosanero seppur in periodi diversi, e Antonino Asta, diventato simbolo del Torino nelle sue due parentesi tra fine anni Novanta e inizio anni Duemila.

Tra gli attaccanti, invece, spicca il nome di Emanuele Calaiò, che nelle sue esperienze in giro per l’Italia ha sempre dimostrato di avere ottime doti realizzative. Particolarmente importante è stata la sua parentesi al Napoli, dove ha contribuito alla risalita del club dalla Serie C1 alla Serie A. Lo stesso vale per Christian Riganò, che si contraddistinse soprattutto con la maglia della Fiorentina.

Un altro nome celebre nel panorama calcistico siciliano è poi quello di Giuseppe Mascara. Nato a Caltagirone, in provincia di Catania, il classe ‘72 ha sempre dimostrato di avere grandi doti col pallone tra i piedi, sia in termini di giocate che di gol, con quella rete da centrocampo nel derby contro il Palermo entrato nella storia della Serie A. Quella partita finì 4-0 in favore del Catania che riuscì ad espugnare il Barbera contro ogni pronostico, anche quelli dei più esperti che seguono qutoe e statstiche sempre aggiornate legate alle scommesse sul calcio e alle varie previsione sportive.

Un altro big del calcio siciliano è stato Pietro Anastasi, uno degli attaccanti più forti degli anni ’69 e ’70. Nato a Catania nel 1948, il centravanti etneo ha giocato per diverse squadre di Serie A, tra cui la Juventus e l’Inter, con cui ha vinto diversi trofei. Il successo più importante della sua carriera è stato però quello ottenuto con la maglia della Nazionale italiana agli Europei del 1968.

Un altro attaccante che con i suoi gol ha fatto esultare un popolo intero è stato infine Salvatore Schillaci, uno dei giocatori più iconici nella storia del calcio italiano. Eroe del Mondiale del 1990 con la Nazionale, Schillaci è stato uno dei centravanti più prolifici della sua generazione, vincendo anche una Coppa Uefa con la Juventus nello stesso anno.

 

Commenta