Limite di velocità a 30 km/h su viale Regione Siciliana: ecco dove e perché

di Redazione Web
lettura in 2 minuti

Palermo – Un’importante novità in tema di viabilità e sicurezza stradale interessa un tratto di viale Regione Siciliana a Palermo. Con l’ordinanza numero 372 del 26 marzo, l’Amministrazione comunale ha deciso di istituire il limite di velocità a 30 km/h nella carreggiata laterale di viale Regione Siciliana Nord Ovest, nel tratto compreso tra l’incrocio con via Ignazio Gioè e la direzione ospedale Cervello.

La decisione si è resa necessaria per garantire la sicurezza degli automobilisti a fronte delle condizioni dell’asfalto in quel tratto, gravemente danneggiato dalle radici degli alberi presenti ai lati della carreggiata. Come documentato anche dalle foto raccolte dalla nostra redazione, si notano infatti evidenti avvallamenti, buche e dissesti del manto stradale, particolarmente pericolosi per motociclisti e ciclisti.

Già in passato le pessime condizioni dell’asfalto erano state oggetto di segnalazioni da parte di associazioni territoriali come Palermo Sud Est, che avevano richiesto un intervento urgente per la messa in sicurezza della carreggiata. Ora, nelle more dell’esecuzione dei lavori di rifacimento del manto stradale, l’Amministrazione ha deciso di intervenire con una drastica riduzione del limite di velocità fino a 30 km/h.

L’ordinanza prevede anche l’installazione di appositi rallentatori di velocità, sia a effetto acustico che ottico, per indurre gli automobilisti a moderare l’andatura. I cartelli con l’indicazione del nuovo limite verranno posizionati dall’Amat dopo l’entrata in vigore del provvedimento.

La zona di viale Regione Siciliana interessata dal cambio di limitazione si trova peraltro in prossimità di un autovelox fisso, il che rende ancor più necessario prestare attenzione alla velocità di percorrenza per evitare sanzioni.

L’ordinanza specifica infine che il limite interesserà entrambe le direzioni: sia verso Bonagia partendo dall’incrocio con via Oreto, sia in direzione opposta a partire dal viadotto Perrier fino al civico 3794. Un intervento dunque ampio e diffuso, resosi necessario per garantire standard adeguati di sicurezza stradale nonostante i danni arrecati dalle radici degli alberi. I cittadini sono invitati a rispettare con scrupolo i nuovi limiti per il bene proprio e dell’intera comunità.

Commenta