Auto con chilometri truccati, in Sicilia sequestrate 110 vetture schilometrate

Scoperta una vasta operazione di frode da parte di rivenditori di autovetture che hanno manomesso i contachilometri per vendere auto "ringiovanite
di Redazione Web
lettura in 2 minuti

I finanzieri del Comando Provinciale di Caltanissetta hanno effettuato una vasta operazione relativa alle frodi in commercio nel settore della compravendita di autoveicoli, specificamente ai casi di vendita di vetture “ringiovanite” a prezzi concorrenziali, a seguito di manomissione del contachilometri.

Indagini Approfondite e Coordinamento Giudiziario

L’attività ha preso spunto dagli approfondimenti avviati d’iniziativa dai finanzieri del Gruppo di Caltanissetta, successivamente coordinati dalle Procure della Repubblica di Caltanissetta e Gela, tramite un’analisi periodica delle compravendite effettuate da numerose concessionarie, i cui dati sono stati incrociati con le banche dati della Motorizzazione civile, delle case madri e dell’apposito servizio fornito dal Portale dell’Automobilista – revisioni periodiche.

Scoperta dello “Schilometraggio” e Sequestro di Autovetture

Al termine delle indagini, sono emersi elementi indizianti in ordine al fatto che alcuni rivenditori, con distinte modalità, avrebbero provveduto ad effettuare lo “schilometraggio” dei veicoli posti in commercio in danno di ignari clienti, traendone significativi vantaggi sugli importi della rivendita. Ne è seguito il sequestro di numerose autovetture.

Entità della Frode e Danni Economici

In particolare, le autovetture oggetto della frode sarebbero state circa 110, con un totale di chilometri scalati pari a circa 10 milioni. La frode ammonterebbe complessivamente a circa 400.000 euro, frutto di prezzi di vendita esorbitanti rispetto al reale valore di mercato delle auto.

Verifica dell’Operato degli Operatori Virtuosi

Ulteriori verifiche, effettuate a tappeto nella Provincia, hanno altresì consentito di constatare la presenza di numerosi operatori del settore pienamente in regola, a testimonianza dell’affidabilità della significativa maggioranza degli ispezionati, risultati virtuosi ed in linea con le regole di trasparenza del mercato di riferimento.

Commenta