Palermo, intervento salva la vita a neonata con grave malformazione

La piccola è arrivata in condizioni disperate all'Ospedale dei Bambini con la milza e l'intestino posizionati all'interno del torace
di Redazione Web
lettura in 2 minuti

Un’operazione delicatissima ha permesso di scongiurare il peggio per una piccola nata con una gravissima malformazione congenita. La neonata, trasferita d’urgenza da un ospedale siciliano fuori provincia a Palermo, è arrivata in condizioni disperate all’Ospedale dei Bambini con la milza e l’intestino posizionati all’interno del torace a causa di una malformazione del diaframma. Uno dei suoi polmoni era compromesso, mettendo a rischio la sua vita.

Ieri, come racconta Palermo Today, la piccola paziente è stata sottoposta a un intervento salvavita presso la Chirurgia pediatrica dell’Ospedale Di Cristina. Dopo una diagnosi all’Utin (terapia intensiva neonatale) del Civico, diretta dal dottor Marcello Vitaliti, la neonata è stata subito trasferita al nosocomio di via dei Benedettini.

L’equipe medica, guidata dalla dottoressa Anna Maria Caruso, ha eseguito un delicato intervento chirurgico per riposizionare gli organi all’interno dell’addome, ristabilendo così le normali funzioni respiratorie. In sala operatoria erano presenti anche i chirurghi Vincenza Girgenti e Denisia Bommarito, oltre all’anestesista Leonardo Birriolo.

Al momento, la piccola paziente è stata trasferita all’Utin del Civico per proseguire le cure post-operatorie. “La Chirurgia pediatrica dell’Ospedale Di Cristina è l’unico centro della Sicilia occidentale in grado di eseguire e garantire, sia in elezione che in urgenza 24 ore su 24, interventi chirurgici complessi con l’utilizzo di tecnologia all’avanguardia come la chirurgia mininvasiva e l’endoscopia digestiva operativa, anche in pazienti al di sotto dei 5 chili,” ha dichiarato il commissario straordinario dell’Arnas Civico-Di Cristina, Walter Messina. “Inoltre, la Chirurgia pediatrica è centro di riferimento regionale per la gestione dell’incontinenza fecale e urinaria in età pediatrica.”

Commenta