Lo street food palermitano eletto il migliore d’Italia

cuochi palermitani trionfano a Rimini con piatti della tradizione rivisitati. Primo posto anche per gli studenti dell'Ipsseoa Piazza nella gara "Ragazzi speciali"
di Redazione Web
lettura in 4 minuti
Lo street food palermitano eletto il migliore d'Italia
Il panino con la milza

Palermo e la sua tradizione culinaria conquistano l’Italia. Ai Campionati della Cucina Italiana, svoltisi a Rimini dal 18 al 20 febbraio, lo street food palermitano si è aggiudicato la medaglia d’oro nella categoria “Traditional Food”, superando le altre città in gara. Un successo frutto del talento degli chef dell’Associazione provinciale Cuochi e Pasticceri Palermo, che hanno proposto piatti rivisitati ma fedeli alla tradizione di strada della città siciliana.

Il team premiato era composto da Rosario Picone, Laura Ferriolo, Giovanni Puleo, Giovanni Capizzi, Aurelio Invernale, Ferdinando Tripi, Toni Levantino e Antonino Castelli. Questi maestri dei fornelli hanno convinto la giuria con la loro “U spitinu palermitano”, una mattonella che racchiudeva i sapori più autentici della rosticceria locale. Alternando strati di capellini mantecati con besciamelle, basilico e pecorino a strati di ragù di carne di manzo modicano e maiale nero dei Nebrodi, gli chef hanno saputo esaltare il meglio della cucina da strada.

Ma non è finita qui. Anche il Culinary Team Palermo si è distinto nella competizione a squadre, aggiudicandosi una prestigiosa medaglia d’argento. Capitanati da Giacomo Perna e Mario Puccio, i cuochi palermitani hanno stupito con ricette d’avanguardia ma sempre legate alle radici siciliane. Il menù proposto si apriva con un originale “bignè salato ripieno di caponata di pesce”, per poi proseguire con tortellini di pesce su crema di ricotta. Come piatto principale, un raffinato filetto di manzo in crosta con contorni di verdure locali. Il dessert, infine, esaltava il cioccolato fondente abbinato a fragole e agrumi dell’isola.

Ma le soddisfazioni non sono finite. Nella competizione “Ragazzi speciali”, riservata agli studenti degli istituti alberghieri, due allievi dell’Ipsseoa Piazza di Palermo hanno conquistato il gradino più alto del podio. Merito delle loro originali tartine di pane farcite con ingredienti della tradizione siciliana. I giovani chef Noemi Lo Iacono e Suing Nathalian Jay, guidati dai professori Rosario Picone e Rosalia Pagano, hanno dimostrato che il futuro della cucina palermitana è in buone mani.

“Siamo orgogliosi di questi straordinari successi, frutto di passione e impegno”, ha dichiarato il presidente dell’Associazione Cuochi e Pasticceri Palermo, Mario Puccio. Anche il team manager Giacomo Perna si è detto entusiasta: “Complimenti a tutto il nostro team. Queste vittorie ripagano gli sforzi e confermano l’eccellenza della nostra cucina”. Plauso anche dal dirigente scolastico Vito Pecoraro: “Il primo posto dei nostri studenti ci fa ben sperare per il futuro di questa professione”.

Insomma, i Campionati della Cucina Italiana rimarranno negli annali come un trionfo per Palermo e i suoi chef, capaci di portare i sapori unici della tradizione – dallo street food ai piatti stellati – sul tetto d’Italia. Un successo che rilancia la città siciliana come protagonista assoluta della migliore cucina nazionale. E che testimonia ancora una volta come, partendo dalla propria storia e cultura gastronomica, si possano raggiungere vette d’eccellenza assolute.

Commenta