“Il diavolo sta mangiando la mia famiglia”: le ultime parole di Kevin Barreca prima della strage

Il giovane era terrorizzato da ciò che stava accadendo tra le mura domestiche, come raccontava all'amico: "Ho paura di quello che non so controllare"
di Redazione Web
lettura in 2 minuti
"Il diavolo sta mangiando la mia famiglia": le ultime parole di Kevin Barreca prima della strage

Un messaggio inquietante, inviato ad un amico solo pochi giorni prima dell’orrore. “Io scappo sempre da casa mia per stare con voi e svagarmi perché io in questa casa non sento pace. Per colpa di questo atteggiamento il diavolo si sta mangiando la mia famiglia”. Così scriveva Kevin Barreca, il ragazzo di 16 anni tragicamente ucciso insieme alla madre e al fratellino di 5 anni durante un presunto rituale di purificazione.

Il giovane era terrorizzato da ciò che stava accadendo tra le mura domestiche, come raccontava all’amico: “Ho paura di quello che non so controllare”. Secondo il suo racconto, il fratello minore e la madre erano posseduti e pronunciavano frasi agghiaccianti: “Un bambino di 5 anni che ti dice che il demone che ha dentro è venuto in questa famiglia per distruggerci ed ucciderci uno ad uno. Come te lo spieghi?”.

Kevin descriveva scene da film horror: “Ieri mio fratello e mia madre erano posseduti e dicevano cose spaventosissime. […] Io sono spaventato, non sai che bordello c’è stato ieri notte a casa mia”. L’amico, scettico, non riusciva a credere a queste parole, ma il ragazzo insisteva sulla veridicità di quanto stava accadendo: “So che può sembrare strano – Ma ti assicuro che è tutto vero”.

Pochi giorni dopo, la terribile scoperta dei cadaveri massacrati dopo un rituale esoterico finito nel sangue. Restano ancora molti punti da chiarire su questa vicenda che ha sconvolto la piccola comunità di Altavilla, ma le ultime parole di Kevin gettano una luce inquietante sugli eventi che hanno preceduto la tragedia. Parole che descrivono l’incubo vissuto da un ragazzo impotente di fronte al male che stava divorando la sua famiglia.

Commenta