Tragedia nel Palermitano, muore bimba di 26 giorni per una polmonite

Una notizia terribile che ha scosso l’intera comunità
di Redazione Web
lettura in 2 minuti

Tragedia a Termini Imerese per la morte di una bimba di soli 26 giorni, morta probabilmente per le complicanze di una polmonite. Si chiama Cristel Suarez e la grave infezione l’ha portata via in due giorni.

Una notizia terribile che ha scosso l’intera comunità imerese, generando profondo dolore in tutti i cittadini. Lo storico quartiere dell’Annunziata, luogo in cui vive la famiglia della piccola, nella giornata di ieri, è stato un via vai di parenti, amici e conoscenti, che si sono stretti attorno alla famiglia Suarez, conosciuta e benvoluta da tutti in città.

Come scrive l’edizione odierna del Giornale di Sicilia, la bambina era stata trasferita con urgenza e ricoverata presso l’ospedale specializzato pediatrico Di Cristina, venerdì mattina, dopo un consulto specialistico effettuato in città. Un ricovero necessario e presso un ospedale attrezzato per ricevere la piccola di poco più di tre settimane di vita. Tutto questo in poco meno di due giorni ha portato al decesso.

L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Maria Terranova, ha proclamato il lutto cittadino per oggi pomeriggio in occasione della celebrazione dei funerali. Nell’ordinanza, il sindaco dispone, interpretando il dolore della comunità per la tragica scomparsa di Cristel e considerata la notizia che ha scosso l’intera comunità, l’esposizione a mezz’asta delle bandiere sugli edifici pubblici in segno di cordoglio e di partecipazione al dolore della famiglia e il divieto di ogni attività o comportamento che contrasti con il tragico accadimento.

“Non ci può essere peggiore notizia, per un sindaco, di quella della morte di una giovanissima vita – ha detto il primo cittadino Maria Terranova – Un dolore insopportabile che travolge la comunità intera. La notizia della morte della piccolissima Cristel ha fortemente scosso tutta Termini Imerese. Una città che si sveglia stordita, incredula, impotente. Abbracciamo, con amore, la sua famiglia. E un bacio a te piccola, ovunque tu sia”.

Commenta