Scompare 32enne: “Vado a Palermo”, poi più nulla

Il giovane è uscito di casa venerdì scorso, 5 gennaio, dicendo alla madre che sarebbe andato a Palermo
di Redazione Web
lettura in 2 minuti

Continuano senza sosta le ricerche di B.A., il trentaduenne scomparso ormai da quasi una settimana da San Giovanni Gemini, in provincia di Agrigento.

Il giovane, di origini straniere, regolarmente residente in Italia, è uscito di casa venerdì scorso, 5 gennaio, dicendo alla madre che sarebbe andato a Palermo. Da allora, si sono perse completamente le sue tracce.

A denunciare la scomparsa ai Carabinieri della stazione di Cammarata è stata proprio la madre di B.A., una casalinga del posto, visibilmente preoccupata per le condizioni di salute del figlio. Stando a quanto riferito dalla donna, il trentaduenne soffrirebbe di alcuni disturbi psichici e necessiterebbe di cure e attenzioni costanti.

L’ultimo contatto con il giovane risale alle 11.30 di venerdì scorso, quando la madre ha ricevuto una sua telefonata in cui le comunicava che si stava recando a Palermo, senza tuttavia specificare il motivo né il luogo preciso. Da quel momento, il cellulare del ragazzo risulta spento.

I Carabinieri, dopo aver raccolto la denuncia, hanno immediatamente diramato l’allarme anche ai colleghi del capoluogo siciliano, dove B.A. aveva detto di stare andando. Nonostante numerosi controlli e verifiche, però, del trentaduenne non c’è ancora traccia.

La procura di Agrigento ha aperto un fascicolo per la scomparsa: gli inquirenti non escludono nessuna pista, né la possibilità di un allontanamento volontario, né l’ipotesi che al giovane possa essere successo qualcosa di grave.

Commenta