Palermo vuole Biagio Conte santo a un anno dalla sua morte

Celebrazioni a Palermo per l'anniversario della morte dell'eremita della carità
di Redazione Web
lettura in 2 minuti

L’eredità di Fratello Biagio Conte a un anno dalla morte. A Palermo tre giorni di celebrazioni organizzate dalla Missione di Speranza e Carità per ricordare Fratello Biagio Conte a un anno dalla morte.

È passato un anno dalla morte di Fratello Biagio Conte. Per ricordarlo, la Missione di Speranza e Carità ha organizzato tre giorni di celebrazioni. Dice don Pino Vitrano, “La sua figura non ci ha mai afflitto, anche se ovviamente nel momento in cui ci ha lasciati l’afflizione è nata, ma il Signore poi l’ha trasformata in gioia, perché noi lo sentiamo molto vicino e presente”.

IIl programma parte dunque oggi, alle ore 11:30, in contrada Portella di Pero a Godrano, in cui si parlerà di “Natura, Eremi, Spiritualità in Fratel Biagio e Padre Pino Puglisi”. Durante la mattinata sarà accolta la statua della Madonna di Loreto e inaugurata la Cappella “Maria Santissima di
Loreto”.

Poi sarà celebrata la messa eucaristica e saranno piantumati gli alberi donati dal Corpo Forestale. Giovedì 11 gennaio, alle ore 17:30, si terrà invece in via Decollati, la conferenza sul tema “Carisma e Spiritualità della Missione di Speranza e Carità” tenuta da Don Giuseppe Buccellato, sacerdote e professore di Teologia.

Sempre presso la chiesa “Casa di Preghiera per tutti i Popoli” alle ore 17:30, la celebrazione eucaristica nel primo anniversario della nascita in cielo di Fratello Biagio, presieduta dall’Arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, con la partecipazione degli Arcivescovi e dei Vescovi di Sicilia.

«Nella giornata in cui Fratello Biagio ci ha lasciati faremo la celebrazione eucaristica in via Decollati perché vogliamo ringraziare il signore di avercelo donato – evidenzia infine Don Pino – Forse anche per la nostra Missione era necessaria questa esperienza per fare uno stacco e un rilancio ancora più forte che ci impegna a livello spirituale, morale e sociale, in una società in cui c’è molto bisogno di quelli che sono stati la sua opera e il suo messaggio”.

Commenta