Dopo tre mesi di coma è morto il 25enne Antonio Russo, vittima di un incidente

Il giovane era caduto dalla sua moto a fine settembre. Tanti i messaggi di cordoglio sui social per la prematura scomparsa
di Redazione Web
lettura in 3 minuti

Dopo tre lunghi mesi di agonia, si è spento Antonio Russo, il 25enne di Floridia (Siracusa) rimasto vittima di un terribile incidente stradale lo scorso 29 settembre. Il giovane, che da qualche anno viveva a Malnate, in provincia di Varese, era caduto dalla sua moto, una Harley Davidson, mentre percorreva nella notte la strada provinciale 31 a Lurate Caccivio, in provincia di Como. Le sue condizioni erano apparse subito gravissime ai soccorritori, che lo avevano trasportato d’urgenza all’ospedale Sant’Anna di Como, dove è stato ricoverato in terapia intensiva. Nonostante le amorevoli cure e l’affetto dei parenti accorsi al suo capezzale, Antonio non si è mai più risvegliato dal coma.

Dopo una straziante attesa durata oltre 90 giorni, il suo cuore ha cessato di battere nella notte tra giovedì e venerdì. La terribile notizia è stata data su Facebook dalla fidanzata del giovane, in un commovente post in cui ricorda l’amato come un “piccolo angelo” e promette di portarne per sempre vivo il ricordo. Anche il sindaco della cittadina siciliana in cui Antonio è nato e cresciuto, Marco Carianni, ha voluto lasciare un pensiero social all’amico d’infanzia, descrivendolo come un “ragazzo buono, genuino e tanto rispettoso”.

Numerosi i messaggi di cordoglio pubblicati in queste ore da amici e conoscenti del 25enne prematuramente scomparso. “Condoglianze alla famiglia, sono vicina nel vostro dolore” scrive Teresa F. “Resterai per sempre nel mio cuore, angelo mio”, gli dedica Eleonora Q. Parole che testimoniano la bontà d’animo del giovane e quanto fosse benvoluto da chi lo conosceva. La notizia della morte di Antonio ha destato profonda commozione anche nel paese lombardo che lo aveva accolto e dove si era costruito una nuova vita prima del tragico incidente.

Un destino beffardo ha strappato troppo presto all’affetto dei suoi cari questo ragazzo pieno di sogni e progetti. La famiglia Russo, originaria di Floridia ma da anni trapiantata al Nord per motivi di lavoro, attende ora di poter riportare la salma del figlio in Sicilia per dargli l’ultimo saluto

Commenta