Maxi sequestro di botti illegali a Palermo, oltre 1 milione di pezzi in un magazzino

di Redazione Web
lettura in 1 minuti

In un magazzino una vera e propria “santabarbara” di materiale esplosivo. Nei giorni scorsi, i Finanzieri del 2° Nucleo Operativo Metropolitano di Palermo hanno sequestrato 1.131.637 artifici pirotecnici custoditi all’interno di un magazzino di una ditta che commercia prodotti casalinghi all’ingrosso.

I militari, durante l’ispezione, hanno riscontrato il mancato rispetto delle stringenti norme di sicurezza per la detenzione di merci pericolose. Hanno così scoperto una vera e propria “santabarbara”, con circa 2 tonnellate di materiale esplosivo stoccato vicino a prodotti facilmente infiammabili.

Mancavano le certificazioni antincendio obbligatorie

Il responsabile dell’attività non è stato in grado di esibire neanche le previste certificazioni di prevenzione incendi, obbligatorie per questo tipo di detenzione. I finanzieri hanno pertanto proceduto al sequestro e alla denuncia del titolare per commercio abusivo di materiale esplodente e violazione delle norme antinfortunistiche.

Colpo al commercio illegale di fuochi artificiali

L’operazione della Guardia di Finanza ha inflitto un duro colpo al commercio illegale di botti e fuochi artificiali, altamente pericolosi se non custoditi e commercializzati nel rispetto delle norme. Le Fiamme Gialle proseguiranno i controlli per contrastare i traffici illegali e tutelare la sicurezza dei cittadini.

Commenta