Rivoluzione alla Cardiologia dell’Ingrassia, diagnosi innovativa grazie a studio del microcircolo

Per la prima volta all'Ospedale Ingrassia di Palermo è stato effettuato uno studio funzionale del microcircolo su una donna di 41 anni con angina persistente nonostante terapia
di Redazione Web
lettura in 2 minuti

Per la prima volta è stato effettuato nella Unità Operativa Complessa di Cardiologia dell’Ospedale Ingrassia di Palermo uno “studio funzionale del microcircolo” su una donna di 41 anni. Si tratta di una nuova metodica utile per l’approfondimento diagnostico in casi clinici di angina o ischemia miocardica in assenza di malattia coronarica, qualora risulti persistente dolore toracico, nonostante la terapia antianginosa.

Lo studio è stato effettuato su una donna di 41 anni, ipertesa, con familiarità per diabete, precedentemente ricoverata per cardiomiopatia da stress e sottoposta – con esito negativo – a coronarografia. Nonostante la terapia, la paziente continuava ad accusare angina da sforzo per cui è stato disposto un nuovo ricovero.

“L’analisi eseguita dall’equipe di emodinamica del reparto – ha spiegato il Primario, Sergio Fasullo – ha consentito un approfondimento di notevole rilievo, sia ai fini diagnostici che terapeutici. Lo ‘studio funzionale del microcircolo’ ha evidenziato alterazioni dei valori relativi al flusso microcircolatorio, normalmente non riscontrabili con le metodiche ordinarie quali coronarografia, scintigrafia miocardica o risonanza magnetica. Diagnosticata una malattia del microcircolo, è stato possibile ottimizzare la terapia medica”.

Lo studio funzionale del microcircolo è una metodica di tipo invasivo e consiste nell’inserire all’interno della coronaria una piccola sonda in grado di rilevare i parametri del flusso microcircolatorio. L’analisi è stata eseguita dall’équipe di emodinamica formata dai cardiologi Debora Cangemi, Claudio D’Angelo, Angelo Ferlisi, Marianna Rubino e dagli infermieri Marilena Floreno, Fabio Capuozzo, Francesco Tripi e Alfredo Galati.

Commenta