Concorsi, appalti truccati e corruzione all’ASP, scoppia la bomba in Sicilia: 13 arresti

Oltre 60 finanzieri del comando provinciale di Trapani stanno eseguendo un’ordinanza cautelare, emessa dal gip su richiesta della locale Procura, nei confronti di 13 indagati nell’ambito di un’inchiesta sull’Asp di Trapani. Due le persone in carcere, otto agli arresti domiciliari e tre sono state sottoposte all’obbligo di dimora.

Nell’operazione, denominata Aspide, sono complessivamente 17 le persone indagate dalla Procura. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono corruzione, induzione indebita a dare utilità, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, truffa a ente pubblico, frode nelle pubbliche forniture, falsità ideologica e materiale commessa dal pubblico ufficiale, rivelazione di segreti d’ufficio, favoreggiamento personale e false attestazioni di presenza in servizio.

Le indagini, dirette dalla Procura di Trapani e delegate al Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza, avrebbero consentito di “disvelare un ormai collaudato meccanismo di ‘addomesticamento’ e ‘manipolazione’ di procedure di gara, pubblici concorsi e affidamenti di incarichi dirigenziali all’interno delle strutture sanitarie trapanesi attuato, in un contesto collusivo e secondo una logica clientelare, con la compiacenza di alcuni pubblici ufficiali”.

Le indagini, avviate sulla regolarità di un bando di gara indetto dall’Asp di Trapani per la fornitura di attrezzature sanitarie necessarie per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covid-19 da destinare ai reparti di terapia intensiva, secondo l’accusa avrebbero fatto emergere “significative carenze e condotte distorsive nella gestione e nello sviluppo della procedura d’urgenza bandita, andando quindi a turbarne la procedura di aggiudicazione a esclusivo vantaggio di una Spa già contrattualmente legata all’Asp”.

Secondo la Procura, “il demansionamento e la soppressione di strutture tipiche dell’Asp voluti dal management sanitario del tempo, avrebbero finito con l’attribuire i compiti di valutazione, progettazione, collaudo e predisposizione dei capitolati delle gare d’appalto in capo a una sola persona esterna all’amministrazione e contrattualmente legata alla Spa”.

Continua a leggere le notizie di DirettaSicilia, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale