Tragedia familiare: 23enne uccide il padre a coltellate

Una tranquilla mattinata si è trasformata in tragedia a Botricello, comune in provincia di Catanzaro, quando un 23enne ha ucciso il padre al culmine di una lite. La vittima è Francesco Cosco, 52enne muratore molto conosciuto in paese.

Secondo una prima ricostruzione, tutto è accaduto intorno alle 12.30 di oggi, lunedì 27 novembre, nell’abitazione di famiglia in via Piave, nel centro storico di Botricello. Qui, per cause ancora da accertare, è scoppiata una violenta lite tra il 52enne e il figlio 23enne Alessio Cosco. Quest’ultimo, affetto da problemi psichici, avrebbe improvvisamente impugnato un coltello e colpito il padre all’addome, uccidendolo.

La scena si è consumata sotto gli occhi della madre dei due, che non ha potuto fare nulla per evitare la tragedia. A nulla sono valsi i soccorsi: nonostante l’intervento tempestivo dei sanitari del 118 e dell’elisoccorso, per Francesco Cosco non c’è stato nulla da fare.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della stazione di Sellia Marina, che hanno arrestato il 23enne con l’accusa di omicidio. Il giovane è stato portato in caserma, mentre la salma del padre è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale per l’autopsia.

La notizia ha sconvolto l’intera comunità di Botricello, centro di circa 5mila abitanti. “Siamo profondamente scossi per una tragedia che non avremmo mai potuto immaginare”, ha dichiarato il sindaco Saverio Puccio.

“La famiglia Cosco è molto conosciuta in paese – ha aggiunto – Francesco ha sempre lavorato come muratore, mentre il figlio soffriva di disturbi psichici e risulta fosse seguito regolarmente. Non ci sono parole per descrivere l’accaduto”.

Anche i vicini di casa, sotto shock, hanno espresso vicinanza ai familiari delle due vittime di questa terribile tragedia domestica. La comunità ora si stringe attorno ai parenti, nella speranza che questa immane perdita possa essere elaborata nel tempo.

Continua a leggere le notizie di DirettaSicilia, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale