Il Milan convoca il baby talento siciliano Francesco Camarda: a 15 anni contro la Fiorentina

La società rossonera ha deciso di convocare il giovanissimo talento Francesco Camarda, attaccante 15enne della formazione Primavera
di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Il Milan convoca il baby talento siciliano Francesco Camarda: a 15 anni contro la Fiorentina

Il Milan deve fare i conti con un’emergenza infortuni senza fine in attacco. In vista della sfida contro la Fiorentina, Stefano Pioli si ritrova senza Rafael Leao e Olivier Giroud, squalificato. L’ultima tegola è l’infortunio rimediato da Noah Okafor con la nazionale svizzera: lesione al bicipite femorale destro e stop di almeno una settimana.

Così, la società rossonera ha deciso di convocare il giovanissimo talento Francesco Camarda, attaccante 15enne della formazione Primavera. Una deroga speciale è stata concessa dalla FIGC visto che solitamente i minori di 15 anni possono partecipare a questo tipo di eventi solo con un’apposita autorizzazione.

Camarda, nato a Milano nel 2008 da una famiglia di origini siciliane (i nonni sono di San Cataldo), si sta mettendo in luce nel campionato giovanile nonostante la giovanissima età. Nonostante abbia 3 o 4 anni in meno dei compagni di squadra, ha già realizzato 7 gol e 2 assist in 13 presenze stagionali. Un talento cristallino che sta bruciando le tappe, con istinto del gol e tecnica sopraffina.

La convocazione per Milan-Fiorentina rappresenta un premio per questo giovane campioncino, che potrà respirare l’atmosfera di San Siro e maturare una preziosa esperienza con la prima squadra nonostante i 15 anni. Un segno di quanto il club creda in lui e del percorso di valorizzazione dei talenti del vivaio intrapreso dalla società.

Camarda sarà la prima alternativa offensiva a disposizione di Pioli, che in caso di necessità potrebbe lanciarlo nella mischia. Un esordio in Serie A che avrebbe del clamoroso e consacrerebbe questo predestinato, sul quale il Milan punta per il presente e futuro. Una convocazione che può segnare l’inizio di un cammino luminoso per questo gioiellino italiano, che potrebbe diventare una colonna della squadra nei prossimi anni.

Il baby bomber con sangue siciliano nelle vene si prepara a vivere un sogno a occhi aperti. E chissà che proprio a San Siro, contro la Fiorentina, non possa iniziare a scrivere la sua favola.

Commenta