Tremendo lutto a San Giuseppe Jato: muore 16enne dopo una grave malattia

Il 16enne frequentava con profitto il Liceo Savarino di Partinico dove era benvoluto da compagni e professori che oggi piangono la sua scomparsa
di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Tremendo lutto a San Giuseppe Jato: muore 16enne dopo una grave malattia

La città di San Giuseppe Jato piange la prematura scomparsa di Amedeo Grande, 16enne. Un giovane che ha lasciato un segno profondo non solo nella sua comunità ma in tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo. Amedeo lottava ormai da tempo contro una grave malattia che ha affrontato con coraggio e tenacia non comuni per un ragazzo della sua età. Nonostante le immense difficoltà, Amedeo non ha mai perso la speranza e la voglia di vivere che da sempre lo contraddistinguevano.

Il 16enne frequentava con profitto il Liceo Savarino di Partinico dove era benvoluto da compagni e professori che oggi piangono la sua scomparsa. “La comunità scolastica del Liceo Savarino si stringe intorno ai genitori di Amedeo, alunno della classe III O, spentosi prematuramente dopo una difficile e travagliata lotta contro una malattia che ha affrontato con coraggio e speranza. La sua scomparsa lascia un segno profondo in quanti, sebbene per poco tempo, lo hanno conosciuto e ne hanno apprezzato la forza, la tenacia e la voglia di vivere” si legge in una toccante nota della scuola.

Non solo la scuola, ma tutta la comunità di San Giuseppe Jato è rimasta profondamente scossa da questa tragica perdita. Il gruppo “Jato e dintorni” si stringe con profondo cordoglio alla famiglia Grande per l’immenso dolore che stanno affrontando, si legge sui social. Amedeo era un ragazzo solare e pieno di vita nonostante la malattia con cui ha dovuto fare i conti sin da giovanissimo. La sua indomabile forza d’animo resterà per sempre un esempio per tutti. Purtroppo il suo fisico, già duramente provato, non è riuscito a vincere quest’ultima battaglia e

“Oggi piangiamo la scomparsa di un ragazzo speciale che è stato un guerriero instancabile. La speranza di guarigione si è tramutata in tragedia non solo per la sua famiglia ma per l’intera comunità. Che Dio possa accogliere tra le sue braccia Amedeo, siamo certi che già fa parte degli angeli in Paradiso”.

Commenta