Lutto nella Squadra Mobile di Palermo, muore a 44 anni il poliziotto Fabrizio Patronaggio

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Morto Fabrizio Patronaggio, giovane poliziotto di 44 anni molto stimato e benvoluto da tutti
Fabrizio Patronaggio

Una triste notizia ha gettato nello sconforto l’intera comunità di Prizzi: sabato scorso è morto improvvisamente per un infarto Fabrizio Patronaggio, giovane poliziotto di 44 anni molto stimato e benvoluto da tutti. Sposato e padre di due bambine piccole, Fabrizio è stato strappato all’affetto dei suoi cari e dei suoi concittadini da un destino beffardo e crudele.

Un malore improvviso non gli ha purtroppo lasciato scampo, cogliendolo nel pieno delle forze e della vita. Fabrizio prestava servizio presso la Squadra Mobile di Palermo, ed era conosciuto come un professionista serio, capace e dedito al proprio lavoro. Ma oltre alla divisa, la sua grande passione era quella per il sociale e per la sua comunità. Sempre disponibile verso gli altri, generoso e altruista, Fabrizio si impegnava con entusiasmo in diversi progetti di volontariato a Prizzi.

Era anche il Presidente del Vespa Club locale, una delle sue più grandi passioni. Insomma, un uomo pieno di vita e di interessi, nel pieno dell’esistenza, strappato troppo presto all’affetto dei suoi cari. La notizia della sua prematura scomparsa ha sconvolto l’intero paese, gettando familiari, amici e conoscenti nel più profondo dolore.

Strazianti, sono centinaia i messaggi di cordoglio e vicinanza alla famiglia che stanno arrivando sui social network. “Un fulmine a ciel sereno, non ci sono parole per descrivere il dolore incolmabile che hai lasciato a tutti noi” scrive un amico su Facebook. E un’altra conoscente aggiunge: “Non riesco ancora a crederci, non è giusto morire così. Che la terra ti sia lieve”. Parole toccanti che esprimono tutto il dolore e lo sgomento di Prizzi per questa tragica perdita. Prizzi si stringe commossa intorno alla famiglia di Fabrizio, nella certezza che da lassù lui veglierà come un angelo sulle sue amate bambine e su tutti coloro che porteranno per sempre nel cuore il suo sorriso.

Commenta