Il Caffè è anti-diabete, 3-4 tazzine al giorno lo contrastano: lo dice la scienza

Il caffè può essere un prezioso aiuto integrativo da affiancare alle cure mediche

Il caffè potrebbe essere un prezioso alleato nella lotta al diabete di tipo 2. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Clinical Nutrition, bere 3-4 tazzine di caffè al giorno sarebbe associato a un rischio inferiore del 25% circa di sviluppare questa patologia rispetto a chi ne consuma di meno o per nulla.

I ricercatori hanno preso in esame oltre 6.000 adulti senza diabete all’inizio dello studio, seguendoli per 12 anni e monitorandone l’assunzione di caffè e l’eventuale insorgenza della malattia. E hanno scoperto che coloro che bevevano 3-4 tazzine di caffè al giorno presentavano un rischio ridotto di ammalarsi.

Il caffè conterrebbe una ricca miscela di composti bioattivi, come i polifenoli, in grado di influenzare positivamente il metabolismo del glucosio e i processi antiossidanti dell’organismo, contrastando l’insorgenza del diabete. Una quantità giornaliera di 3-4 tazzine, pari a circa 400 mg di caffeina, è considerata sicura e benefica dalle autorità europee.

In Italia i diabetici sono 3,9 milioni, pari al 6,6% della popolazione, con un aumento di oltre 400 mila casi solo negli ultimi 3 anni. L’incremento è dovuto all’invecchiamento della popolazione, alla tendenza a diagnosticare antesignani del diabete e agli effetti della pandemia, che ha portato ad aumento di peso e riduzione dell’attività fisica.

Numerosi studi confermano il ruolo protettivo del caffè contro il diabete. L’Isic, l’Istituto di informazione scientifica sul caffè, riporta maggiori benefici nelle donne e anche per la variante decaffeinata. Il caffè potrebbe inoltre contribuire all’apporto antiossidante della dieta, limitando lo stress ossidativo implicato nell’insorgenza della malattia.

Gli esperti raccomandano però di non eccedere con le quantità. Il caffè può avere effetti collaterali se assunto in dosi troppo elevate, e l’azione anti-diabete è stata riscontrata solo per un consumo moderato, pari appunto a 3-4 tazzine al giorno. In ogni caso, per prevenire e gestire al meglio questa patologia è importante uno stile di vita sano, con dieta equilibrata e attività fisica costante. Il caffè può essere un prezioso aiuto integrativo da affiancare alle cure mediche.

Continua a leggere le notizie di DirettaSicilia, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale