Palermo e New York più vicine, al via il volo diretto della compagnia Neos

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Palermo e New York più vicine, al via il volo diretto della compagnia Neos

Da giugno 2023 sarà possibile volare direttamente da Palermo a New York grazie al nuovo collegamento operato dalla compagnia aerea Neos. Dal prossimo 9 giugno, infatti, sarà attivo un volo bisettimanale tra il capoluogo siciliano e la Grande Mela, con partenza ogni domenica e martedì alle 11.25 dall’aeroporto Falcone e Borsellino di Punta Raisi e arrivo all’aeroporto JFK di New York alle 14.50 ora locale.

Il Boeing 787 Dreamliner utilizzato per il volo potrà trasportare fino a 344 passeggeri e ridurrà notevolmente i tempi di percorrenza tra Sicilia e Stati Uniti, favorendo i flussi turistici leisure e business. La tariffa economy per il biglietto di sola andata parte da 339,99 euro e include un bagaglio da 8 kg in cabina e un pasto a bordo.

L’attivazione di questo nuovo collegamento diretto rientra nella strategia di espansione della compagnia Neos su nuove rotte intercontinentali ed è frutto degli investimenti in corso in Sicilia nel settore turistico, con il potenziamento delle infrastrutture e la nascita di nuovi resort di lusso. Una scommessa importante per il vettore, che punta ad intercettare la domanda turistica USA verso la regione e quella siciliana verso gli Stati Uniti.

Secondo il ministro del Turismo Daniela Santanchè, il volo Palermo-New York rappresenta un’ottima opportunità per valorizzare l’offerta turistica dell’isola a livello internazionale. Anche per il presidente di Gesap, la società di gestione dell’aeroporto di Palermo, l’avvio di questo collegamento segna un traguardo fondamentale nei rapporti tra Sicilia e Stati Uniti, favorendo lo sviluppo economico e culturale.

Per Neos si tratta di un importante investimento per diversificare il network e incrementare i voli intercontinentali, dopo i recenti potenziamenti delle rotte per il Kazakistan e l’India. Una scommessa che premia la strategia della compagnia, che nel 2022 ha chiuso con un fatturato record di 573 milioni di euro, superiore anche ai livelli pre-pandemia.

Commenta