Omicidio nella notte a Palermo: ucciso a colpi di pistola un cuoco 41enne

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Omicidio nella notte a Palermo: ucciso a colpi di pistola un cuoco 41enne

Orrore in pieno centro a Palermo, dove nella notte si è consumato un brutale omicidio ai danni di un cittadino algerino di 41 anni. L’uomo, Badre Eddine Boudjemai, un cuoco che lavorava regolarmente in un ristorante del porto, è stato freddato con tre colpi di pistola in via Roma, all’altezza del centralissimo ufficio postale.

Secondo una prima ricostruzione, la vittima aveva appena terminato il turno di lavoro in uno dei locali della movida nei pressi di piazza Olivella e si stava dirigendo a piedi verso casa, quando è stato raggiunto dai colpi letali che non gli hanno lasciato scampo.

Alcuni passanti, attirati dal trambusto, hanno lanciato l’allarme intorno all’una di notte. In pochi minuti sul posto sono giunte quattro volanti dei carabinieri che hanno isolato l’area e interdetto il passaggio per consentire i rilievi.

La vittima, sposata e residente a Palermo da diversi anni, non aveva precedenti penali né risulta avesse ricevuto minacce in precedenza. Gli investigatori stanno sentendo i familiari e le persone a lui vicine per ricostruire la dinamica e il movente dell’efferato delitto.

Su Facebook la sorella Fella Boudjemai, candidata l’anno scorso a consigliera comunale con “Più Europa” e “Azione”, ha scritto: “Stanotte hanno ucciso a sangue freddo mio fratello. L’assassino è a piede libero. Per favore se qualcuno ha visto qualcosa vada dai carabinieri”.

Fondamentali saranno le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza della zona, che potrebbero aver immortalato elementi utili a identificare il o i killer. L’autopsia chiarirà la traiettoria dei proiettili e altri dettagli utili alle indagini.

Commenta