Palermo: scoperta mega truffa sul Reddito di cittadinanza

di Redazione Web
lettura in 3 minuti
Palermo: scoperta mega truffa sul Reddito di cittadinanza

Un impiegato di una partecipata della Regione avrebbe prodotto falsi documenti per far ottenere il reddito di cittadinanza a decine di famiglie che non ne avrebbero avuto il diritto. I finanzieri del Comando Provinciale di Palermo hanno dato esecuzione a un’ordinanza con la quale il Gip del Tribunale del capoluogo, su richiesta della Procura, ha disposto gli arresti domiciliari nei confronti di un dipendente di una partecipata regionale e il sequestro preventivo di un CAF, e di disponibilità finanziarie per un valore complessivo di 620mila euro, quale profitto dei delitti ipotizzati.

I reati contestati, allo stato, sono truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falso materiale e ideologico in atto pubblico e istigazione alla corruzione. Le indagini condotte dagli specialisti del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Palermo (Gruppo Tutela Spesa Pubblica), originate dalla denuncia di un dipendente del Comune di Palermo, avrebbero permesso di accertare numerose condotte illecite realizzate attraverso la predisposizione e l’utilizzo di documentazione ideologicamente e/o materialmente falsa (dichiarazioni di residenza, dichiarazioni di iscrizione anagrafica ai fini TARI, contratti di locazione) inviata telematicamente alle postazioni territoriali dell’anagrafe comunale deputate al servizio di cambio domicilio.

La necessità di ottenere l’approvazione di tali variazioni sarebbe stata funzionale alla fittizia creazione dei requisiti per la percezione della misura del reddito di cittadinanza che, come noto, erano legati al mancato superamento di specifiche soglie reddituali da parte del nucleo familiare, nonché all’assenza di soggetti condannati per gravi reati. In particolare, il soggetto destinatario della misura cautelare, peraltro impiegato presso una società partecipata dalla Regione Siciliana, attraverso lo schermo giuridico di un CAF, avrebbe predisposto la documentazione falsa a beneficio di un’ampia platea di “clienti”, ricevendo per ogni pratica un compenso economico pattuito, cercando, inoltre, di corrompere dipendenti comunali con regali e somme di denaro per tentare di velocizzare l’iter amministrativo per il cambio di domicilio.

Nell’ambito delle indagini che vedono complessivamente 93 indagati, sarebbero stati individuati 53 soggetti indebitamente beneficiari del Reddito di Cittadinanza, che avrebbero percepito somme non dovute per un ammontare complessivo di 620.402 euro. L’odierna attività testimonia la costante attenzione e il perdurante impegno profuso dalla Guardia di Finanza, nell’ambito delle indagini delegate dalla Procura della Repubblica di Palermo, a tutela degli interessi economico – finanziari dello Stato, con particolare riguardo al contrasto alle frodi nel settore assistenziale al fine di garantire l’effettivo sostegno alle fasce più deboli della popolazione.

Commenta