Can Yaman e il fan maleducato a Palermo: “Non sono un animale in gabbia”

Le polemiche scatenate da Can Yaman che lancia il telefono di un "fan" a Palermo e leggi la sua spiegazione su Instagram

Can Yaman lancia il telefono di un “fan” a Palermo, poi si giustifica su Instagram. L’attore turco Can Yaman è finito al centro delle polemiche per un video diventato virale sui social in cui si vede l’artista strappare di mano il telefono a una persona che lo stava filmando a Palermo, per poi lanciarlo via. L’episodio è accaduto all’uscita dell’Hotel delle Palme, dove Yaman alloggia durante le riprese della serie tv “Viola come il mare”.

La spiegazione dell’attore su Instagram

In una storia Instagram, Can Yaman ha provato a fornire la propria versione dei fatti, sostenendo che quella persona “è stata molto maleducata sin dal primo momento, non ha mai chiesto una foto, tantomeno ha salutato”. Secondo l’attore, quell’uomo avrebbe impedito a un suo amico di salire in macchina, rispondendogli “in maniera prepotente e minacciosa” e puntandogli il flash in faccia. Successivamente avrebbe iniziato a riprendere Yaman “ad un centimetro, come se fossi un animale in gabbia”.

La reazione di Yaman: “Quello non è un fan”

“Quello non è un fan, io riesco a capire chi è un fan e chi no – ha scritto Yaman – Non sono stato e mai sarò maleducato con un fan vero, che mi rispetta e soprattutto che non mi molesta”.

L’attore ha concluso dicendo che reagirà sempre di fronte alla maleducazione: “Finché ci sarà maleducazione, dirò la mia e reagirò piuttosto che tacere e starmene buono”.

Il video è diventato virale, critiche sui social

Il video in cui Yaman getta via con stizza il cellulare del presunto fan è immediatamente diventato virale, scatenando numerose critiche e commenti negativi nei confronti dell’attore turco, in Sicilia per girare la serie tv con Francesca Chillemi. Nelle immagini si vede Yaman infastidito dalla richiesta di selfie dell’uomo, mentre era in auto, al punto da strappargli il telefono di mano e lanciarlo via con rabbia.

L’arrivo di Yaman a Palermo tra selfie e applausi

L’ex fidanzato di Diletta Leotta era arrivato a Palermo domenica scorsa, accolto calorosamente da decine di fan che lo hanno omaggiato con applausi, selfie e richieste di autografi. Già sul set delle prime puntate di “Viola come il mare” aveva espresso il suo amore per la Sicilia e per l’accoglienza ricevuta.

La rabbia e i nervi tesi di una star

L’episodio dimostra come la popolarità e l’assalto costante dei fan possano mettere a dura prova i nervi di una star  come Yaman. La richiesta continua di selfie e video da parte di ammiratori sempre più invadenti può far perdere la pazienza, portando a reazioni scomposte.

Continua a leggere le notizie di DirettaSicilia, segui la nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale