In Sicilia l’estate è infinita: attesi 35 gradi

di Redazione Web
lettura in 3 minuti
In Sicilia l'estate è infinita: attesi 35 gradi

L’estate sembra non voler finire in Sicilia. Mentre al Nord Italia è in arrivo un brusco calo delle temperature, al Sud splende ancora il sole e si registrano temperature quasi estive, con picchi previsti fino a 35 gradi.

Secondo gli esperti di 3bmeteo.com, nei prossimi giorni l’Italia sarà letteralmente spaccata in due dal punto di vista meteorologico. Infatti, mentre al Settentrione è in arrivo un intenso peggioramento del tempo con piogge battenti e rischio nubifragi, al Meridione e in Sicilia continueranno ad affluire masse d’aria calda di origine nordafricana, che porteranno un deciso aumento delle temperature.

Venerdì il divario termico tra Nord e Sud raggiungerà probabilmente i 20 gradi, con Torino che faticherà a superare i 15 gradi nelle ore centrali e Palermo che toccherà invece picchi di 35 gradi.

Secondo le previsioni del meteorologo Andrea Bonina, tra giovedì e venerdì si raggiungerà l’apice di questa anomala ondata di caldo fuori stagione in Sicilia, in particolare lungo il versante tirrenico. I venti di caduta dai rilievi interni, come i Monti Sicani, le Madonie e i Nebrodi, porteranno masse d’aria roventi dal Nord Africa, cariche di sabbia del deserto.

Le raffiche di Scirocco potranno superare gli 80 km/h e contribuiranno a far salire le temperature su valori tipicamente estivi. A Palermo sono attesi picchi di 35 gradi nelle ore centrali, mentre ad Agrigento, Catania, Messina e Siracusa le massime oscilleranno tra 27 e 30 gradi. Il cielo si presenterà prevalentemente sereno o velato dalla sabbia in sospensione.

Secondo Bonina, solo nel weekend la situazione potrebbe cambiare leggermente, con l’arrivo di maggiore variabilità e instabilità atmosferica. Tuttavia, per la Sicilia l’appuntamento con l’autunno sembra ancora rimandato. L’isola ha un disperato bisogno di piogge abbondanti per ristorare le riserve idriche ormai esaurite, ma per ora sembrano ancora lontane all’orizzonte.

L’ondata di caldo anomalo può certamente far piacere a chi vuole godersi ancora qualche giornata di relax in spiaggia, ma preoccupa gli agricoltori e chi teme l’aggravarsi della siccità. Le temperature oltre la media favoriscono infatti l’evaporazione e prosciugano ulteriormente il terreno arido. La natura ha bisogno di pioggia per prepararsi al letargo invernale.

In un periodo in cui di solito in Sicilia si registrano già i primi freddi autunnali, sembra di essere tornati indietro di un paio di mesi. L’estate infinita che sta vivendo l’isola è certamente un campanello d’allarme dei cambiamenti climatici in atto, che stanno rendendo sempre più anomala la distribuzione delle piogge e alterando il naturale alternarsi delle stagioni.

Commenta