Troppi visitatori al Palermo Marina Yachtin e primi vandali: chiusura alle 1.30

di Redazione Web
lettura in 2 minuti
Troppi visitatori al Palermo Marina Yachtin e primi vandali: chiusura alle 1.30

“Oltre quarantamila presenze nel primo weekend di apertura hanno richiesto, infatti, un immediato adeguamento del piano di sorveglianza e pulizia”, lo dice in una nota dell’Autorità portuale di Palermo dopo che nella giornata in cui vengono segnalati i primi atti d’inciviltà – seppur nulla di eclatante – avvenuti nell’area.

Da stasera il Palermo Marina Yachting, appena inaugurato, chiuderà all’1.30, un orario che verrà prolungato fino alle 2.30 nei fine settimana (venerdì/domenica). La riapertura è prevista alle 6 del mattino. “Oltre quarantamila presenze nel primo weekend di apertura hanno richiesto, infatti, un immediato adeguamento del piano di sorveglianza e pulizia”, si legge in una nota dell’Autorità portuale arrivata nella giornata in cui sono stati segnalati i primi atti d’inciviltà, seppur nulla di eclatante, nella nuova attrazione che si affaccia sul mare della città. “Fin quando non saranno automatizzati – e ciò avverrà nelle prossime 2/3 settimane – i parcheggi del PMY, circa 280 posti, non saranno accessibili a mezzi e auto, ad eccezione di quelli autorizzati”, continuano dall’Autorità portuale. I concessionari integreranno la pulizia e la sorveglianza assicurata dall’AdSP, come si trattasse di un grande condominio.

“Non ci aspettavamo una tale affluenza con soltanto quattro negozi aperti – dichiara il presidente dell’Autorità portuale Pasqualino Monti – ma siamo contenti di averlo scoperto, e siamo felici e onorati del successo che lo spazio sta riscuotendo. I palermitani sono i primi guardiani di questo luogo quindi li esorto a non esitare e a far intervenire la sorveglianza se si accorgono di comportamenti maleducati. Sono certo che questo mio appello non cadrà nel vuoto: noi stiamo portando avanti tutti i servizi nel migliore dei modi e mai verremo meno al nostro impegno di mantenere decoroso questo luogo, come abbiamo sempre fatto nei nostri porti. La città ha un nuovo quartiere ed è necessario il contributo di tutti. Rispetto e salvaguardia del bello deve essere l’impegno di ogni cittadino”.

Commenta